#ioleggoperché 2021: un’edizione da record per Carpi e non solo

Dal 20 al 28 novembre torna l'iniziativa #ioleggoperché che ha lo scopo di arricchire le biblioteche scolastiche e di aumentare la diffusione dei libri nelle scuole e nelle case dei bambini e dei ragazzi. Quest'anno i numeri sono da record: quasi 3,5 milioni gli alunni coinvolti e oltre 20mila le scuole iscritte.

0
646
Elena Valentini

Le biblioteche scolastiche sono fondamentali per accendere la passione della lettura fin dalla tenera età. Con questo presupposto nasce l’iniziativa nazionale #ioleggoperché, giunta alla sesta edizione, che ha lo scopo di arricchire con nuovi libri le biblioteche scolastiche: un lavoro di squadra che coinvolge le case editrici, le librerie, gli insegnanti, gli alunni, le famiglie e, in generale, tutte le persone che credono sia importante promuovere la lettura a partire dalle scuole.

Dal 20 al 28 novembre, chiunque lo desideri può quindi recarsi nelle librerie aderenti di Carpi e di tutta Italia, scegliere un libro, acquistarlo e donarlo a una scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo o di secondo grado iscritta a #ioleggoperché.       

Al termine della raccolta gli editori contribuiranno con un numero di libri pari alla donazione nazionale complessiva, donandolo alle scuole e suddividendoli secondo disponibilità tra tutte le iscritte che ne hanno fatto richiesta.    

#ioleggoperché si conferma quindi come un’occasione per ampliare o, in certi casi, creare la biblioteca di una scuola. E i numeri di quest’anno, come testimoniano le  librerie di Carpi, sono molto positivi.

Elena Valentini, titolare di Mondadori Bookstore in Piazza Martiri, 8: “quest’anno è un’edizione da record sia a livello locale che su scala nazionale. La nostra libreria ha ricevuto 56 richieste di gemellaggio da parte delle scuole di Carpi e non solo. Anche quest’anno caldeggiamo le richieste di donazione da remoto contattandoci per telefono, email o whatsapp.

Per quanto riguarda le iniziative correlate ci saranno dei bimbi di alcune scuole che ci porteranno le loro creazioni in libreria, mentre noi librai andremo a fare delle letture nelle classi. Abbiamo preparato le scatole per ogni scuola sulla base delle bibliografie che le insegnanti ci hanno fornito, ma è possibile scegliere di donare libri al di fuori dagli elenchi forniti dalle scuole. L’obiettivo principale è infatti quello di sostenere e arricchire le biblioteche scolastiche”.

Alessia Napolitano, co-titolare insieme al marito Dario Pignatti della libreria per l’infanzia Radice-Labirinto in Corso Roma, 38: “anche quest’anno ci siamo concentrati sulla redazione delle bibliografie da destinare alle scuole che hanno deciso di gemellarsi con noi, in modo che le famiglie e i cittadini possano scegliere tra libri che reputiamo di altissima qualità. La nostra vocazione è quella di portare l’inaspettato e l’inconsueto nelle biblioteche scolastiche e di diffondere la cultura del leggere per leggere esulando dagli intenti pedagogici”.

Giorgio Coccapani, libraio della libreria La Fenice in via G. Mazzini, 15: “i numeri sono molto alti quest’anno: sono infatti una sessantina le scuole che hanno scelto di gemellarsi con la nostra libreria. In concomitanza con l’iniziativa #ioleggoperché è previsto l’allestimento di una vetrina della nostra libreria da parte dei bambini della scuola d’infanzia Meloni di Quartirolo. Lo scopo è sempre quello di avvicinare alla lettura”.

Chiara Sorrentino