Azioni dimostrative contro il Green Pass al Policlinico: l’azienda sta valutando un’azione legale

“Le regole di accesso agli ospedali sono pensate per garantire la sicurezza di tutti in una situazione dove l’emergenza è lungi dall’essere superata. Le azioni di questi provocatori, invece, – commenta il Direttore Generale Claudio Vagnini – intralciano l’attività dei sanitari e quindi danneggiano tutti. Per questo motivo ho dato mandato al nostro Ufficio Legale di valutare le azioni più opportune per tutelare il personale, i pazienti e i loro famigliari”.

0
406
Claudio Vagnini

Sgomberiamo immediatamente il campo da ogni dubbio: tutti coloro che necessitano di cure possono accedere all’ospedale a prescindere dal fatto di possedere o meno il green pass. La nuova norma prevede invece che a esserne muniti siano visitatori e accompagnatori. Una novità che proprio non è andata giù ad alcuni cittadini che nelle giornate di venerdì e domenica hanno provocato e insultato il personale (impegnato a verificare la presenza dei requisiti di accesso alla struttura in base alla normativa di prevenzione e contenimento della pandemia da Covid-19) del Pronto Soccorso e del Punto di Accesso del Policlinico di Modena, tanto da rendere necessario l’intervento della Vigilanza privata e, domenica, addirittura quello delle forze dell’ordine.

Un gesto condannato con forza dalla Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena: “le regole di accesso agli ospedali sono pensate per garantire la sicurezza di tutti in una situazione dove l’emergenza è lungi dall’essere superata. Le azioni di questi provocatori, invece, – commenta il Direttore Generale Claudio Vagnini – intralciano l’attività dei sanitari e quindi danneggiano tutti. Per questo motivo ho dato mandato al nostro Ufficio Legale di valutare le azioni più opportune per tutelare il personale, i pazienti e i loro famigliari”.