Scuola e quarantena, cosa cambia?

Rispetto al passato, qualora si verificasse un caso di Covid-19 in classe, cambiano i tempi della quarantena: gli studenti vaccinati se asintomatici staranno in quarantena sette giorni, mentre i non vaccinati dieci.

0
451

Rispetto al passato, qualora si verificasse un caso di Covid-19 in classe, cambiano i tempi della quarantena: gli studenti vaccinati se asintomatici staranno in quarantena sette giorni, mentre i non vaccinati dieci.  Di fatto quindi il compagno di classe – malgrado l’uso della mascherina – è considerato un contatto stretto, al pari di un familiare. 

“Al momento è così – sottolinea il direttore generale dell’Ausl, Antonio Brambilla – vedremo se ci saranno modifiche da parte del CTS. L’importante è perseguire l’obiettivo, a mio parere fondamentale, di fare le lezioni in presenza, per questo dobbiamo convincere i giovani e le famiglie a vaccinarsi. Appello che sta ottenendo grandi risultati dal momento che il 60,8% della fascia 12 – 14 anni e il 74% di quella tra i 15 e i 19 anni è entrata nel circuito vaccinale. A mio parere – conclude il direttore – se si individua un positivo in classe e gli altri sono vaccinati, mettere tutti in quarantena è un po’ esagerato ma aspettiamo le indicazioni del Governo. Il tema è all’ordine del giorno”.

Le misure sanitarie nel dettaglio

La quarantena, per i contatti stretti, è di 7 giorni dall’ultimo contatto con il caso se hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni, e si conclude con test molecolare o antigenico. Per i non vaccinati, o per coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale da meno di 14 giorni, la durata della quarantena rimane di 10 giorni. Se il contatto stretto rifiuta il tampone, la quarantena è prolungata fino al 14^ giorno dall’ultimo contatto con il caso, e la riammissione alla frequenza avverrà anche in assenza di molecolare o antigenico.

Riammissione a scuola

Il caso confermato di Covid-19 rientra a scuola con l’attestazione del Dipartimento di Sanità Pubblica rilasciato dopo l’esito negativo del tampone molecolare eseguito al 10^ giorno dalla comparsa della positività o dei sintomi, che devono essere assenti da almeno 3 giorni. Se il test dovesse risultare ancora positivo – o in caso di tampone positivo negli asintomatici – va ripetuto dopo 7 giorni (17^ giorno). I casi ancora positivi, in assenza di sintomi da almeno 7 giorni, potranno interrompere l’isolamento dopo 21 giorni.

Scuola primaria e secondaria di 1°e 2° grado: identificazione dei contatti stretti

Cosa succede nella scuola primaria e secondaria di 1°e 2° grado in caso di presenza di un positivo? Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda Usl di competenza individua i contatti stretti, tra alunni e personale scolastico, che hanno vissuto una presenza prolungata e un’interazione significativa con il positivo nelle 48 ore precedenti l’esordio dei sintomi o l’effettuazione del tampone del caso confermato. Per tutti i contatti stretti individuati viene emesso un provvedimento di quarantena.

Gli alunni della classe che risulteranno contatti a basso rischio sospenderanno la frequenza e verranno sottoposti a tampone molecolare/antigenico. Saranno riammessi a scuola con esito negativo del tampone e obbligo dell’uso della mascherina chirurgica al banco per 10 giorni dall’ultimo contatto con il caso.

I docenti, se hanno rispettato le misure di prevenzione (mascherina e distanziamento), non sono individuati come contatti stretti ma devono comunque effettuare il test molecolare. Il rifiuto all’esecuzione comporta l’emissione del provvedimento di quarantena. Nel caso in cui ci sia un docente positivo, gli alunni delle classi coinvolte sospenderanno la frequenza fino all’esito negativo di test antigenico/molecolare effettuato dal Dipartimento di Sanità Pubblica. Tutto il personale scolastico, anche se vaccinato, deve continuare a rispettare i protocolli, aderire a programmi di screening ed è comunque considerabile contatto stretto in caso di iterazione con positivo confermato.

Servizi 0-3 e Scuole dell’infanzia: identificazione dei contatti stretti

Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda Usl di competenza individua come contatti stretti tutti i bambini compagni di sezione e il personale scolastico che ha vissuto una presenza prolungata e in interazione nelle 48 ore precedenti l’esordio dei sintomi nel caso positivo o l’effettuazione del tampone: per tutti loro viene emesso provvedimento di quarantena.

Sulla base degli esiti dello screening, il Dipartimento valuta se estenderlo ad altre classi/sezioni e, se ritenuto necessario, chiudere la scuola. Può inoltre, in ambiti territoriali con elevata circolazione del virus, proporre indagini a campione in ambito scolastico utilizzando test antigenici/molecolari. Per quanto riguarda i controlli, il rispetto della corretta applicazione dei protocolli in quest’ambito sono in capo ai dirigenti scolastici/responsabili delle strutture. Rispetto che potrà essere oggetto di verifica da parte dei Dipartimenti di Sanità Pubblica.