A Fossoli inaugurata la nuova tensostruttura alla presenza del vescovo

Il parroco don Nikarthil: “Per noi questa struttura non è solo uno spazio aggiuntivo ma un nuovo inizio, che ci consentirà di incrementare le nostre attività”.

0
652

E’ stata inaugurata questa mattina, alla presenza del vescovo di Carpi Erio Castellucci, la nuova struttura prefabbricata allestita presso la parrocchia di Fossoli. Si tratta di uno spazio a disposizione della Comunità, non solo per svolgere le celebrazioni eucaristiche, potendo contare su un maggior numero di posti nel rispetto delle norme anticovid, ma anche per attività culturali e ricreative. Erano presenti alla celebrazione, accanto al Vescovo e a don Anand Nikarthil, amministratore parrocchiale, il Vicario generale monsignor Ermenegildo Manicardi, l’Assessore Marco Truzzi in rappresentanza del Comune di Carpi e molti dei donatori che hanno contribuito alla raccolta fondi.  Al termine della celebrazione eucaristica il Vescovo ha benedetto la struttura e salutato ancora una volta i parrocchiani di Fossoli in occasione della sua prima visita alla Comunità, che cade a pochissimi giorni dall’avvio della Sagra parrocchiale (il programma è disponibile in allegato), che si svolgerà dall’8 al 12 settembre, nel pieno rispetto di tutte le indicazioni di sicurezza. Ciò anche grazie alla nuova tensostruttura che potrà accogliere più persone rispetto a quanto era possibile negli anni precedenti. 

“Questa inaugurazione è stata la prima occasione per avere il Vescovo tra noi, nella nostra parrocchia – ha dichiarato don Anand Nikarthil, amministratore parrocchiale -, in quanto dal terremoto del 2012 in poi anche le celebrazioni delle cresime si sono svolte altrove per mancanza di uno spazio adeguato, che potesse accogliere tutti. Così è stato per il Natale, la Pasqua e tanti altri momenti importanti per la Comunità. Per noi questa struttura non è solo uno spazio aggiuntivo ma un nuovo inizio, che ci consentirà di incrementare le nostre attività potendo consentire la partecipazione di più persone, come abbiamo potuto sperimentare anche oggi: finalmente la gioia di poter accogliere tutti e di poterci ritrovare tutti insieme come vera comunità. Oltre a don Erio desidero ringraziare tutti i donatori: sarebbe impossibile nominarli uno a uno, lo sappiamo che il mare è fatto di tante gocce e a ognuno di loro va il mio grazie. Desidero infine ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi: senza il suo finanziamento non sarebbe stato possibile realizzare questo progetto”.