Indagine sui medici di famiglia: quali le criticità?

Parte in questi giorni la prima indagine promossa da Federconsumatori e dai sindacati pensionati Spi e della Funzione pubblica Fp Cgil sui medici di famiglia e sulla Sanità territoriale nella provincia di Modena. L’indagine si propone di misurare i problemi, emersi di frequente negli ultimi tempi, attorno alla figura del medico di medicina generale, o di famiglia. Una figura centrale, assai apprezzata dai cittadini, ma attorno alla quale sono cresciute nel tempo problematiche che per i promotori dell’indagine sono da affrontare.

0
737

Parte in questi giorni la prima indagine promossa da Federconsumatori e dai sindacati pensionati Spi e della Funzione pubblica Fp Cgil sui medici di famiglia e sulla Sanità territoriale nella provincia di Modena. L’indagine si propone di misurare i problemi, emersi di frequente negli ultimi tempi, attorno alla figura del medico di medicina generale, o di famiglia. Una figura centrale, assai apprezzata dai cittadini, ma attorno alla quale sono cresciute nel tempo problematiche che per i promotori dell’indagine sono da affrontare.  A cominciare dalla carenza di medici che si manifesta spesso a ogni pensionamento con la difficoltà a reperirne i sostituti. Importanti anche il rapporto medico-paziente, i tempi di attesa per una visita, la facilità d’accesso al medico al momento del bisogno…

Si parte con l’invio di 10.000 sms sulla base di un campione rappresentativo di tutte le età della popolazione, che consentirà raffronti tra diverse aree e diversi Comuni della nostra provincia. Le aree che saranno particolarmente monitorate saranno il quartiere Madonnina di Modena, i Comuni di Carpi e Castelfranco, tutti i Comuni dell’Appennino modenese. 

Un folto gruppo di volontari del sindacato pensionati Spi Cgil si occuperà dell’indagine telefonando ad oltre 1.000 propri iscritti ed iscritte per la compilazione telefonica del questionario, sempre nel rispetto del campione statistico che è stato definito. 

Il questionario è rigorosamente anonimo, ed è rivolto in prevalenza agli iscritti ed alle iscritte alle categorie della Cgil e a Federconsumatori.

Dopo questa prima esperienza il questionario sarà esteso nei prossimi mesi da Federconsumatori ad altre aree della nostra Regione.

I risultati dell’indagine saranno presentati a Modena nel mese di settembre.