Open day vaccinali a libero accesso? No grazie. A Modena ci si prenoterà

Il pasticciaccio di Bologna non si ripeterà nel modenese. L’Ausl di Modena dice no alle vaccinazioni a pioggia e rilancia mettendo sul piatto un’altra soluzione: a partire da domenica 6 giugno e per tutti i weekend del mese saranno organizzate delle sedute vaccinali speciali nei sette distretti sanitari della provincia a prenotazione libera. Si parte il 6 giugno a San Felice e a Pavullo.

0
711

Il pasticciaccio di Bologna non si ripeterà nel modenese. Nella giornata di ieri, 2 giugno, a BolognaFiere si sono accalcate circa ottomila persone in occasione dell’Open day deciso dall’azienda sanitaria a fronte di una quota di 1.200 dosi di vaccino Johnson & Johnson disponibile da distribuire a chiunque si presentasse, fra le 8 e le 19. Risultato? La maggior parte dei presenti è rimasta a bocca asciutta e i Carabinieri sono dovuti intervenire per gestire il “traffico”.  L’Ausl di Modena dice no alle vaccinazioni a pioggia e rilancia mettendo sul piatto un’altra soluzione: “per evitare code e assembramenti – spiega Antonio Brambilla, direttore generale dell’Azienda Usl di Modena – abbiamo deciso di adottare un sistema di prenotazione semplificato di cui stiamo definendo i dettagli. A partire da domenica 6 giugno e per tutti i weekend del mese organizzeremo delle sedute vaccinali speciali nei sette distretti sanitari della provincia a prenotazione libera. Si parte il 6 giugno con San Felice, nella Bassa modenese, e Pavullo. La filosofia che ci ha guidati è quella di voler dimostrare la nostra vicinanza ai territori, anche quelli periferici. Modena sarà l’ultima in cui organizzeremo giornate di questo tipo. Chiunque al di sopra dei 18 anni potrà prenotarsi online e poi recarsi al punto vaccinale per avere la sua dose. A San Felice spetteranno circa 1.000 vaccini Johnson&Johnson, 600 per Pavullo: solo chi avrà la prenotazione potrà presentarsi, non ci saranno dosi extra per chi si presenta senza prenotazione”.

Jessica Bianchi