Londra si stringe intorno alla famiglia reale dopo la morte del principe Filippo

Come ha reagito alla notizia della morte del Principe Filippo la capitale inglese? A raccontare l’atmosfera che si respira in questi giorni di lutto nazionale è la musicista carpigiana trapiantata a Londra da anni, Stefania Passamonte. "Filippo era amato per il suo stile e rigore, per la sua debolezza nelle battute poco diplomatiche, per la sua capacità di far ridere la Regina e di supportarla nel suo ruolo di sovrana per così tante decadi. Era un esempio di stabilità familiare, di fedeltà e rispetto per l’istituzione della Corona e soprattutto per una donna che così giovane si è trovata Regina di una delle nazioni più importanti del mondo”, racconta.

0
767

Un matrimonio lungo 73 anni. Una storia d’amore, quella tra la regina Elisabetta e il principe Filippo, che molti di noi hanno imparato a conoscere guardando una delle migliori serie storiche di tutti i tempi, ovvero The Crown.

A Buckingham Palace, l’Union Jack sventola a mezz’asta da quando sui cancelli di ingresso è stato apposto l’annuncio della morte del principe Filippo. Il funerale del Duca di Edimburgo, spirato nel castello di Windsor a 99 anni lo scorso 9 aprile, si terrà sabato 17. Il feretro sarà trasportato fino alla cappella di St George da un piccolo corteo guidato dal principe Carlo mentre Queen Elizabeth lo aspetterà in chiesa. Previsto un minuto di silenzio nazionale, osservato in tutto il Regno in contemporanea con l’inizio del rito, ma nessuna camera ardente, espressamente rifiutata dal duca, la cui bara verrà coperta dallo stendardo personale, una corona di fiori, dal suo berretto e dalla sua spada di ufficiale veterano della Royal Navy. 

Stefania Passamonte

Ma come ha reagito alla notizia la capitale inglese? A raccontare l’atmosfera che si respira in questi giorni di lutto nazionale è la musicista carpigiana trapiantata a Londra da anni, Stefania Passamonte.

Stefania come ha reagito Londra a questa notizia? 

“Casualmente mi sono trovata a Buckingham Palace pochi momenti dopo l’annuncio della morte del Principe Filippo. Avevo scattato una foto solo per documentare la gita in bicicletta di quel venerdì, una casualità che ha lasciato un segno indelebile di quel momento storico. La città ha reagito con il tipico contegno Inglese: alcuni hanno visitato Buckingham Palace per portare dei fiori, ma la maggioranza delle persone ha rispettato il sentimento della famiglia reale e seguito le direttive del Governo di non assembrarsi rispettando le norme anti-Covid, lasciando un messaggio sul libro virtuale delle condoglianze del sito reale, e donando a una delle tante charity patronage del Principe Philip”.

Era amato? 

“Direi proprio di sì. Era amato per il suo stile e rigore, per la sua debolezza nelle battute poco diplomatiche, per la sua capacità di far ridere la Regina e di supportarla nel suo ruolo di sovrana per così tante decadi. Era un esempio di stabilità familiare, di fedeltà e rispetto per l’istituzione della Corona e soprattutto per una donna che così giovane si è trovata Regina di una delle nazioni più importanti del mondo”. 

Lo scatto a Buckingham Palace pochi momenti dopo l’annuncio della morte del Principe Filippo

La pandemia ha fatto sì che il funerale sia privato e senza accesso al pubblico. Gli inglesi come stanno dimostrando vicinanza alla corona e alla regina?

“Tutta la serata di venerdì è stata dedicata al Principe Philip, con un’edizione molto lunga della BBC che ripercorreva la vita e le opere realizzate da Filippo. Inviati speciali trasmettevano dal vivo le reazioni del pubblico davanti alle residenze della famiglia reale in Scozia, Galles, Inghilterra e Irlanda del Nord, molti toccati come se fosse venuto a mancare un membro della loro famiglia. Interessanti anche le reazioni politiche e i messaggi di condoglianze dalle charities e delle istituzioni di cui il Principe Philip era patrono se non addirittura fondatore. Tutti hanno lasciato messaggi toccanti e offerto il loro modesto contributo. Con il mio programma radio, Future Classic Women Awards sulla Womens Radio Station, abbiamo registrato un episodio speciale dedicato al Principe Philip, con la compositrice reale Olga Thomas e la soprano Joanna Forrest. Andrà in onda per due settimane (seguendo il lutto della famiglia reale): insieme abbiamo celebrato la vita del Principe consorte, raccontato l’incontro personale delle mie ospiti col Principe Philip e la famiglia reale in molte occasioni, e ascoltato le canzoni composte per la famiglia reale, inclusa la bellissima Royal Platinum Love Song in celebrazione delle nozze di Platino della Regina Elisabetta con Filippo”.

Jessica Bianchi