La primavera si fa letteraria: i grandi autori bussano a casa nostra

Da oggi, domenica 4 aprile cinque incontri con altrettanti autori e le loro novità editoriali: Alessio Boni, Marilù Oliva, Pupi Avati, Dacia Maraini e un omaggio a Marco Santagata. Gli appuntamenti sono in diretta streaming sui canali del BPER Banca Forum Monzani di Modena.

0
311
Pupi Avati

Nuovo mese e nuovi ospiti per BPER Banca Forum Monzani che continua a portare le ultime novità editoriali nelle case dei lettori attraverso le dirette online di Forum Eventi, la rassegna organizzata da BPER Banca con il patrocinio del Comune di Modena. 

Tra i prossimi autori a domicilio c’è Alessio Boni che domenica 4 aprile alle 17.30 presenta il suo libro Mordere la nebbia (Solferino) dialogando con il giornalista Alessando Milan. Qui l’attore ripercorre la sua carriera, dal successo del 2003 con “La meglio gioventù” all’ultimo spettacolo teatrale Don Chisciotte, passando per le missioni umanitarie con Unicef e Cesvi in diversi Paesi del mondo. E’ la storia che Alessio Boni decide di raccontare a suo figlio Lorenzo, che ha appena spalancato gli occhi sul mondo, nello sterminato silenzio che avvolge la campagna. E’ il percorso di un uomo che ha inseguito la sua vocazione di attore e ha imparato a conoscere se stesso anche attraverso i personaggi interpretati sulla scena e sullo schermo. Così questo racconto ci porta dai palcoscenici ai campi profughi, dal Festival di Cannes all’inferno di un lebbrosario a Belo Horizonte, nella costruzione instancabile di un grande affresco umano.

Si prosegue domenica 11 aprile alle 17.30 con Marilù Oliva e il suo Biancaneve nel Novecento (Solferino), ambientato nella Bologna degli anni ottanta e novanta e nel campo di concentramento di Buchenwald. Marilù Oliva,  incalzata da Yari Selvetella, racconta due storie in prima persona: quella di Bianca, del contrasto con sua madre Candi, dei suoi primi amori e delle sue delusioni, e quella di Lili, una vecchia signora che dalla sua casa romana rievoca la propria deportazione e il periodo passato nel bordello del campo di concentramento. Nel finale le sorti delle protagoniste si riuniscono, chiarendo i contorni di una riflessione sul rapporto madre/figlia che s’inscrive all’interno di un preciso momento storico, il Novecento evocato nel titolo.

E’ il regista Pupi Avati a salire sul palco virtuale del Forum domenica 18 aprile alle 17.30 insieme a Luca Ricci, per presentare il suo nuovo romanzo L’archivio del diavolo (Solferino). Nella sua nuova opera Avati riporta il lettore nelle campagne del Nord-est italiano, a due anni da Il signor Diavolo, con un’altra storia di paura e suggestione, di quelle raccontate intorno al fuoco, nei lontani anni Cinquanta. Un romanzo, si spiega, “dal sapore gotico, sapientemente delineato dal narratore” che rivela “un mondo antico, intriso di terra, acqua e mistero, che racchiude verità così terribili da non poter mai essere rivelate”. Si tratta del secondo libro che vuole sviluppare nuove sfaccettature sul tema principale, ovvero la presenza del Maligno, inteso come corruzione estrema in una comunità di uomini che non si rivelano mai davvero innocenti, nessuno escluso. 

Dalla Normale a Dante (e Vasco): l’incontro di domenica 25 aprile alle 17.30, in collaborazione con la casa editrice Il Mulino, è un omaggio al modenese Marco Santagata, professore all’università di Pisa, storico della letteratura italiana, che si è spento nel novembre scorso. Intervengono gli scrittori Claudio Giunta e Walter Siti, insieme all’editor Beppe Cottafavi. Santagata è stato uno dei maggiori italianisti e studiosi di Dante e Petrarca e della lirica italiana ottocentesca: nei Meridiani Mondadori, di Petrarca ha commentato il Canzoniere e di Dante ha diretto l’edizione delle Opere; ha inoltre traslato il grande amore per i classici nei suoi romanzi: con Il maestro dei santi pallidi ha vinto il premio Campiello nel 2003.

La scrittrice e poetessa Dacia Maraini torna al Forum domenica 2 maggio alle 17.30 per presentare il suo nuovo libro, La scuola ci salverà (Solferino), dialogando col giornalista Federico Taddia. Un saggio che parla agli studenti e ai docenti, in cui l’autrice riflette sull’importanza della scuola, soprattutto nei momenti di crisi e sull’urgenza di garantire ai ragazzi un’istruzione sempre migliore. Cosa è successo alla scuola? Come possiamo risollevare le sorti dell’istituzione più importante per il futuro del Paese dopo una fase difficile come quella che sta affrontando? Dovremmo partire dagli insegnanti motivati e capaci che la sorreggono nonostante i molti ostacoli e dal serbatoio di vitalità degli studenti. E poi naturalmente occorre ridare all’istruzione le risorse e la centralità che merita. La scuola può fare la differenza, soprattutto in momenti di crisi. Un viaggio tra i banchi, anche attraverso la forza dell’immaginazione, da cui emerge l’urgenza di garantire ai nostri ragazzi un’istruzione migliore per ridare all’Italia una concreta speranza nell’avvenire.

E’ possibile seguire gli incontri con l’autore di Forum Eventi in diretta sulla pagina Facebook e sul canale YouTube “BPER Banca Forum Monzani o dall’account twitter @GruppoBPER_PR.

https://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/la-misura-del-tempo-carofiglio-paura-della-morte-fatevi-stordire-dalla-vita-e-praticate-lo-stupore/347949/348535