E’ il pensiero che conta

“E’ un momento difficile ma ogni occasione diventa importante per mantenere relazioni significative con tutti coloro che ci circondano, a partire dai più piccoli” e allora alla scuola d’infanzia Berengario le insegnanti si sono organizzate per consegnare un ovetto di cioccolata a tutti i bimbi.

0
1094

Ci sperano. Alla scuola d’infanzia Berengario insegnanti e famiglie confidano nell’annuncio del governo che considera una priorità riportare i bambini più piccoli nelle sezioni e nelle classi subito dopo Pasqua.

Intanto si continua con i Lead, Legami Educativi a Distanza, un modo diverso di fare scuola per i bambini dai 3 ai 5 anni con le tate impegnate a distanza attraverso l’uso di nuovi canali di comunicazione con famiglie e bambini. Non sono state colte di sorpresa come durante il primo lockdown e hanno fatto tesoro dell’esperienza di quella che allora era partita come una sperimentazione. In questa situazione di emergenza contingente le insegnanti del Berengario cercano di mantenere viva la comunità di sezione e il senso di appartenenza, di combattere il rischio di isolamento di bambini e famiglie, di mantenere viva l’interazione tra insegnanti e bambini, pur nella consapevolezza dei limiti insiti nella distanza.

“Ci mancano i nostri bimbi e la distanza rappresenta comunque un ostacolo. Per questo ci siamo attivate per organizzare – spiegano le insegnanti della Scuola d’infanzia statale Berengario del Comprensivo Carpi Centro – un momento in cui consegnare loro un ovetto di cioccolato e un biglietto: un pensiero, un legame, un filo… che tiene unite le nostre menti e i nostri cuori. Un piccolo gesto per raggiungerti con  i più sentiti auguri di Buona Pasqua e felice inizio di Primavera.

Grazie alla disponibilità di volontari gli ovetti di cioccolata sono stati consegnati davanti ai cancelli di casa di ogni bimbo lunedì 29 marzo.

“E’ un momento difficile ma ogni occasione diventa importante per mantenere relazioni significative con tutti coloro che ci circondano, a partire dai più piccoli”.

Sara Gelli