Ruba abiti e cerca di giustificare l’allarme alle casse: “ho una protesi all’anca”

Avvicinato dagli addetti alla sorveglianza si è giustificato sostenendo di avere una protesi metallica all’anca e che per questo l’allarme era entrato in funzione.

0
873

Ieri pomeriggio i Carabinieri di Carpi hanno arrestato in flagranza un 50enne residente in provincia di Reggio Emilia, poiché poco prima, in un esercizio commerciale cittadino aveva rubato alcuni capi di abbigliamento del valore di qualche centinaio di euro, nascondendoli all’interno di una borsa schermata. 

L’uomo, dopo averli prelevati dagli espositori, si è diretto verso il camerino dove, al riparo da occhi indiscreti, ha nascosto gli abiti dentro la borsa, dirigendosi poi verso le casse. A quel punto è entrato in funzione l’allarme sonoro: avvicinato dagli addetti alla sorveglianza si è giustificato sostenendo di avere una protesi metallica all’anca e che per questo l’allarme era entrato in funzione. Sul posto sono intervenuti i militari: l’uomo è stato arrestato con l’accusa di furto aggravato e condotto in carcere mentre la merce sottratta è stata recuperata.