Cittadini appendono frasi ai 68 platani condannati a morte di via XXII Aprile

A Novi, duramente colpita dal sisma del 2012, “occorre preservare quel poco di bello che è rimasto e tutelarlo, di brutture ve ne sono già anche troppe. Noi non ci arrenderemo e lotteremo contro questa decisione dissennata”. Viale XXII Aprile è un bene dell’intero paese e se gli alberi sono sani devono essere salvati!

0
1376

“Errare è umano (riunione in Sala Civica 21 ottobre), perseverare è diabolico (Consiglio Comunale 26 novembre)”. E, ancora, “Albero senza te muoio! Tu sei salute, gioia e bellezza”.

Sono solo alcuni dei cartelli legati ai 68 platani condannati a morte di via XXII Aprile a Novi di Modena. Ieri, domenica 29 novembre, un gruppo di cittadini si è dato appuntamento nello storico viale alberato per appendere alle piante alcune immagini del flash mob dello scorso 7 novembre, così come alcune frasi scritte da novesi indignati, e ribadire la propria contrarietà rispetto alla decisione dell’Amministrazione di tagliare questi bellissimi esemplari ad alto fusto.
“La nostra protesta – spiegano – andrà avanti soprattutto dopo la seduta dell’ultimo Consiglio Comunale durante il quale l’Amministrazione ha dichiarato di voler perseguire nello sconsiderato proposito di tagliare tutte le piante di via XXII Aprile adducendo generici motivi di sicurezza. I risultati della perizia effettuata sulle alberature non sono ancora stati resi pubblici ma, parlando con i tecnici, ci è stato detto che gli alberi sono sani e dunque non costituiscono alcun pericolo”.


A Novi, duramente colpita dal sisma del 2012, “occorre preservare quel poco di bello che è rimasto e tutelarlo, di brutture ve ne sono già anche troppe. Noi non ci arrenderemo e lotteremo contro questa decisone dissennata”. Viale XXII Aprile è un bene dell’intero paese e se gli alberi sono sani devono essere salvati!
Jessica Bianchi