Ne Vale la pena diventa on line: primo incontro con Beppe Severgnini

Beppe Severgnini sarà in streaming (sul canale Youtube Biblioteche Comune di Carpi e sulla pagina ufficiale di Ne Vale La Pena su Facebook) giovedì 26 novembre, alle 21, ospite della Rassegna Ne Vale La Pena on line. Intervistato da Pierluigi Senatore, Severgnini presenta il suo libro Neoitaliani - Un manifesto (edito da Rizzoli).

0
645
Beppe Severgnini

Beppe Severgnini sarà in streaming (sul canale Youtube Biblioteche Comune di Carpi e sulla pagina ufficiale di Ne Vale La Pena su Facebook) giovedì 26 novembre, alle 21, ospite della Rassegna Ne Vale La Pena on line. Intervistato da Pierluigi Senatore, Severgnini presenta il suo libro Neoitaliani – Un manifesto (edito da Rizzoli).

Dalla bufera siamo usciti diversi. Peggiori o migliori? Direi: non siamo andati indietro. A modo nostro, siamo andati avanti. Siamo stati costretti a trovare dentro di noi – nelle nostre città, nelle nostre famiglie, nelle nostre teste, nel nostro cuore – risorse che non sapevamo di possedere. Chi sono i neoitaliani? Siamo tutti noi, che abbiamo attraversato la stranissima primavera del 2020 e ora affrontiamo un futuro incerto. “Ci vorrà tempo per capire come la pandemia, lo spavento e le difficoltà abbiano cambiato il nostro carattere. Ma un cambiamento è avvenuto.” Beppe Severgnini, che ha dedicato la carriera alla meticolosa osservazione dei connazionali, non ha dubbi: “Dalla bufera siamo usciti diversi. Peggiori o migliori? Direi: non siamo andati indietro. A modo nostro, siamo andati avanti. Siamo stati costretti a trovare dentro di noi – nelle nostre città, nelle nostre famiglie, nelle nostre teste, nel nostro cuore – risorse che non sapevamo di possedere”. Quindici anni dopo La testa degli italiani – il libro che, tradotto in quattordici lingue, ha spiegato agli stranieri il nostro carattere nazionale – l’autore ha deciso di raccontare i cambiamenti avvenuti e anticipare quelli che verranno. Neoitaliani ruota intorno a una sorta di manifesto: 50 MOTIVI PER ESSERE ITALIANI. Un modo insolito e brillante per spiegare chi siamo, e capire chi potremmo essere. Scrive Severgnini: “Il virus ci ha messo con le spalle al muro. La posizione in cui noi italiani diamo tradizionalmente il meglio”. E aggiunge: “Abbiamo dimostrato di saper essere disciplinati, ma ci scoccia ammetterlo. Temiamo di rovinarci la reputazione”. Il suo racconto – divertente, commovente, stimolante – vi convincerà che i neoitaliani sono pronti a fare cose nuove. Non sappiamo quali e non sappiamo quante e non sappiamo quando. Sappiamo, però, che dipenderà da noi.