Proteggiamo i nostri Ospedali: in arrivo nuove regole di accesso

Aumentano gli accessi per patologie non gravi, l’appello dei medici: “venite in Pronto soccorso solo in casi di emergenza”. Dal 19 ottobre nuove regole per le visite in ospedale, leggi quali.

0
1220
Misurazione delle febbre e igienizzazione delle mani al Ramazzini di Carpi

Accedere al Pronto soccorso solo in caso di urgenze non rimandabili, infortuni sul lavoro, patologie traumatiche e rispettare i percorsi previsti per gli altri casi. È l’appello che viene dalle Aziende sanitarie modenesi a fronte di un importante aumento degli accessi da parte di cittadini con patologie non gravi.
L’invito a non presentarsi in PS – tantomeno in altre strutture sanitarie, anche in caso di visite prenotate – è particolarmente importante in presenza di febbre superiore ai 37,5°C (anche se bassa), o altri sintomi sospetti associabili al covid-19. Anche l’ultimo Decreto del 13 ottobre infatti, precisa che i soggetti con infezione respiratoria o sintomi gastroenterici con febbre devono rimanere presso il proprio domicilio e contattare il proprio medico curante.
“Occorre che i nostri cittadini scelgano, e soprattutto rispettino, il percorso più adeguato per la loro patologia – dichiara il Direttore del Dipartimento di Emergenza-Urgenza, Stefano Toscani – anche se, ad esempio, questo può prevedere un’attesa di alcuni giorni prima di essere visitati dal proprio Medico di Medicina Generale, che può avere esigenza di monitorare l’evolversi dei sintomi così come gestire pazienti con diversi livelli di priorità. Lo ribadisco, non andate in Pronto soccorso se la situazione non è realmente grave, non accedete per velocizzare l’iter di approfondimenti diagnostici né per cercare di abbreviare l’eventuale richiesta di tampone, perché tali comportamenti mettono in crisi la capacità di risposta dell’intero sistema. Come testimonia anche l’inasprimento delle misure di prevenzione e protezione contenute nell’ultimo DPCM, dobbiamo tutelare i cittadini, i luoghi sanitari e gli operatori che vi lavorano per poter affrontare l’aumento dei contagi e le necessità assistenziali che si presentano ogni giorno con tutte le forze disponibili”.
L’obiettivo del richiamo alla cautela da parte delle Aziende sanitarie è necessario per poter assistere adeguatamente coloro che hanno veramente necessità del Pronto soccorso. A tal proposito, e per ridurre il disagio di chi comunque si presenta con un accompagnatore, si ribadisce che l’accesso alle strutture sanitarie è riservato unicamente al paziente (possono entrare solo gli accompagnatori di persone con fragilità o minorenni).
Per questo motivo si precisa che:
• a partire da lunedì 19 ottobre in tutte le strutture ospedaliere della provincia sarà possibile far visita ai propri congiunti solo una volta al giorno negli orari che ogni struttura indicherà.
• anche per le strutture intermedie presenti sul territorio modenese è opportuno perseguire la massima tutela della salute degli ospiti in condizioni di fragilità. Si chiede quindi di accedere solo una volta al giorno con modalità operative che verranno indicate dalle singole strutture.
Le Aziende sanitarie sono consapevoli del disagio che queste misure possono creare sia alle famiglie, tese a stare vicino ai propri malati nel momento del bisogno, sia agli operatori che dal rapporto con i familiari traggono spesso aiuto e informazioni preziose, condividendo con loro il percorso di cura. La tutela della salute dei pazienti, ancor di più se in condizioni di fragilità, tuttavia, richiede massima attenzione e prudenza.