Il Profumo del Mosto Cotto torna a Soliera

Domenica 18 ottobre tante iniziative da mattino a sera, nel pieno rispetto delle disposizioni anti contagio da Covid-19 previste dell’ultimo DPCM.

0
582

Domenica 18 ottobre Soliera ospita la 25ª edizione de Il Profumo del Mosto Cotto, la festa autunnale che celebra le tradizioni enogastronomiche, la storia e la cultura contadina del territorio modenese, promossa dall’Amministrazione comunale e dalla Fondazione Campori, in collaborazione con la Compagnia Balsamica, l’associazione locale per la valorizzazione dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. L’edizione 2020 della festa autunnale solierese è stata ideata e organizzata con modalità già pienamente compatibili con le misure indicate dall’ultimo DPCM, in materia di contenimento dell’emergenza Covid-19.
Dopo l’anteprima di sabato 17 ottobre con l’inaugurazione della mostra Arnaldo Pomodoro. {sur}face, alla presenza dell’artista e del presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, la domenica di festa muoverà i suoi primi passi già di buon mattino, non più tardi delle 8, con una Piazza Lusvardi animata dai volontari che si dedicano alla cottura del mosto d’uva, nei tradizionali fugoun a legna. Poco dopo, a partire dalle 10, nel fossato del Castello Campori, si potrà fare un tuffo nel passato tra armigeri, giullari, duelli e banchetti di artigianato proposti dall’associazione Mantova Medievale, oltre che assistere all’esibizione di rapaci con la Dama delle civette, mentre sarà Andrea Barbi ad animare Ci vediamo in piazza, in diretta su TRC.
Alle 11, in piazza Repubblica, prenderanno avvio giochi della tradizione popolare come lo Scombussolo, mentre un banchetto di Soliera Slot Free sensibilizzerà i presenti sui rischi della ludopatia malsana. Alle 11.30, in via Matteotti sono in programma lezioni di rianimazione cardiopolmonare, a cura della Croce Blu Soliera, mentre gli assaggi di maltagliati con fagioli e la distribuzione di sughi avranno luogo, in forma controllata, a partire dalle 12.30 in Piazza Lusvardi.
Nel pomeriggio sono in programma la premiazione della 11ª Gara del Nocino fatto in casa (ore 15, via Matteotti), la presentazione del libro Areilos, storie di uomini e donne a Soliera, a cura del Centro Studi Storici Solieresi (ore 15, Bocciodromo di piazzale Loschi), una merenda contadina, un motoaperitivo, la cerimonia di consegna del Gonfalino d’oro ai volontari della distribuzione alimentare sotto lockdown (ore 16.30, via Matteotti) e lo spettacolo di narrazione per bambini Tarantolin rabbioso al Nuovo Cinema Teatro Italia (alle 17, ingresso gratuito).
Per tutta la giornata, lungo le vie del centro storico, numerosi stand gastronomici e mercati di varia natura insieme a suggestive esposizioni di auto (a cura dell’Historic Motor Club), di moto (a cura del Moto Club Oca Bigia di Soliera, oltreché di Bursi Evolution, Ducati Club Carpi e Ducati Modena) e di trattori d’epoca (a cura del Vintage Tractors Club).