Non è solo il Covid a complicare la vita nelle scuole

Come se non bastasse tutto il resto, a rendere ulteriormente difficile la vita alla Scuola media Guido Fassi c’è il cantiere di miglioramento sismico.

0
690

Come se non bastasse tutto il resto, a rendere ulteriormente difficile la vita alla Scuola media Guido Fassi c’è il cantiere di miglioramento sismico. Dopo il terremoto del 2012 è iniziata la ricognizione degli edifici e sono stati predisposti lavori per migliorarne la sicurezza, con i tempi a cui siamo ormai abituati: tra bandi, determine e delibere si è arrivati a riapprovare il progetto esecutivo nel 2018 e nel giugno di quest’anno ad assegnare i lavori iniziati nel corso dell’estate tra luglio e agosto. L’intervento prevede un impegno complessivo di spesa di 820mila euro.

Il Comune di Carpi aveva predisposto il cronoprogramma in modo che i lavori all’interno terminassero prima dell’inizio dell’anno scolastico ma si è verificata “una complicazione” ed è stato necessario un consolidamento sui pilastri. E’ per questo motivo che il cantiere all’interno dell’edificio dovrà convivere, benché sia stato isolato, con l’attività scolastica per poi spostarsi all’esterno e terminare nel mese di novembre. Nonostante siano stati limitati i disagi predisponendo i servizi igienici resta il fatto che proprio quest’anno i lavori non ci volevano: il cantiere costringe infatti a tenere le finestre chiuse mentre è raccomandata l’aerazione dei locali come misura anticontagio e non sarà possibile fino al termine dei lavori poter trascorrere il tempo della ricreazione in cortile.

Poteva però andar ben peggio! Alla Primaria Gasparotto il cantiere aperto nel settembre del 2018 si è fermato nel gennaio del 2019 e non è più ripartito; alla Primaria Fanti ospitata nel Palazzo di Castelvecchio insieme alla succursale della Scuola media Alberto Pio i lavori iniziati nel marzo del 2017 si sono bloccati dopo sei mesi e la progettazione deve ricominciare daccapo. Non è solo il Covid a complicare la vita di chi lavora e vive all’interno delle scuole.

Sara Gelli