La corsa del Carpi termina a un passo dalla semifinale

Game over. Il Carpi, nonostante il pareggio acciuffato in rimonta contro l'Alessandria, esce dalla corsa alla Serie B superato con merito nel turno successivo dal Novara che espugna il Cabassi con il punteggio di 2-1.

0
469

Game over. Il Carpi, nonostante il pareggio acciuffato in rimonta contro l‘Alessandria, esce dalla corsa alla Serie B superato con merito nel turno successivo dal Novara che espugna il Cabassi con il punteggio di 2-1. Si ferma dunque alle pendici della Final Four la corsa dei biancorossi alla Serie B: ai piemontesi, assieme a Bari, Reggiana e Carrarese l’onore di giocarsi il quarto e ultimo pass disponibile per la Serie B 2020-2021.

IL MATCHMister Riolfo, che deve rinunciare nuovamente al centrale difensivo Alessandro Ligi, rivoluziona il “line Up” iniziale lanciando un’inedita difesa con Pezzi, Sabotic, Boccaccini e Lomolino davanti all’estremo difensore Tommaso Nobile. Variazioni infine anche in mediana dove, nel rombo di centrocampo, Lorenzo Simonetti e Samuele Maurizi sono le novità rispetto al pareggio contro l’Alessandria.

L’avvio di gara illude: il Carpi mostra una maggiore brillantezza ma non punge. Il Novara, nella sua prima discesa, al 10′, passa a causa di una sfortunata deviazione di Sabotic a spiazzare l’incolpevole Nobile su traversone di Buzzegoli. Il Carpi avrebbe l’occasione immediata per pareggiare i conti ma Michele Vano, a tu per tu con il portiere ospite, si lascia ipnotizzare divorandosi letteralmente la chance per il possibile 1-1. Gli emiliani sono mal posizionati e distratti e il Novara ne approfitta per raddoppiare: da azione di corner il centrale piemontese Andrea Sbarga si libera della marcatura di Saric e insacca sotto all’incrocio dei pali, con un preciso colpo di testa. Il montante è doloroso e il Carpi rischia di capitolare salvato dal palo prima, su conclusione del centravanti novarese Pinzauti, e dalla traversa, colpita da Gonzales, a una manciata di secondi dal riposo.

Nella ripresa ci si attende una reazione che non arriva. Il Novara è ben posizionato in campo e regge sino al 91′ quando Michele Vano illude i suoi con la rete dell’ininfluente 1-2. Nemmeno la girandola di cambi aiuta il tentativo di rimonta: il Carpi, nonostante la possibilità di qualificarsi con ben due risultati su tre a disposizione, è costretto a deporre le armi dopo cinque minuti di recupero.

IL FUTURO INCERTO – La breve estate che separa il Carpi dal prossimo campionato di Serie C potrebbe essere accompagnata da incertezze e dubbi sul come proseguire. Il Covid, e l’annessa crisi economica successiva, non aiutano a pianificare i prossimi mesi nei quali la società biancorossa sarà chiamata a trovare quelle risorse che nel campionato appena concluso erano state parzialmente garantite dal paracadute post retrocessione dalla Serie B. Tutta l’attenzione sarà rivolta alle scelte del patron Stefano Bonacini diviso, mai come ora, fra un possibile rilancio (magari con Riolfo ancora in panchina e alcuni gioielli della rosa da poter patrimonializzare sul mercato) o mettere definitivamente la parola fine alla sua esperienza a capo del Carpi.

Enrico Bonzanini