“I carpigiani meritano tutto il nostro impegno”

Il trequartista sloveno Enej Jelenic, in biancorosso dal 2017 con oltre 80 presenze registrate con la maglia del Carpi, ha un unico obiettivo in mente per questo finale di stagione: centrare la finale Play Off. Primo avversario l’Alessandria degli ex Arrighini ed Eusepi, giovedì 9 luglio allo Stadio Cabassi.

0
431
Enej Jelenic

Il trequartista sloveno Enej Jelenic, in biancorosso dal 2017 con oltre 80 presenze registrate con la maglia del Carpi, ha un unico obiettivo in mente per questo finale di stagione: centrare la finale Play Off. Un percorso ardito che passa per il superamento di due sfide secche ma che non spaventa il giocatore: ha già vissuto l’esperienza Play Off con la squadra emiliana. Nonostante i numerosi acciacchi che ne hanno limitato gli ultimi anni di carriera, ora Jelenic sta bene e con mister Giancarlo Riolfo ha trovato una nuova dimensione che lo ha reso uno dei leader tecnici della squadra.

La condizione generale della squadra attualmente qual è?

“Siamo carichi come poche altre volte ho visto il gruppo in questa stagione. Sappiamo che, in un percorso contraddistinto da gare da dentro-fuori, sono molte le componenti che possono influire, tra cui quella mentale. Carpi e i carpigiani ci hanno sempre trattato benissimo e meritano di poter lottare per il meritato ritorno in Serie B. Noi ce la metteremo tutta”.

In pieno lockdown, ci avevate sperato di poter esser promossi in B d’ufficio?

“Beh quando la notizia pareva confermata, confesso di averci sperato. Ormai le decisioni prese sono state altre e sarà solamente il campo a decidere. Per quello che abbiamo fatto vedere sino a quando è stato possibile giocare nulla ci deve spaventare. Affronteremo ogni gara con la fame che ci ha sempre contraddistinti”.

Hai visto qualche giocatore particolarmente in forma?

“Non vorrei dare vantaggi ai nostri prossimi avversari (ridendo ndr). Scherzi a parte Saric, Maurizi e Vano mi sono sembrati molto avanti. In generale il gruppo sta bene e morde il freno per poter tornare in campo dopo un’eternità per riprenderci quello che, a nostri giudizio, ci è stato tolto”.

Il tuo contratto scadrà al termine di questa stagione. Questa situazione ti crea qualche ansia o preoccupazione?

“No. E’ una condizione diffusa in squadra, ma vi posso assicurare che la nostra unica preoccupazione è quella di passare il turno giovedì sera e provare a riprenderci una Serie B che nella passata stagione avremmo potuto, con un paio di vittorie, tenerci saldamente in mano. Oggi c’è solo una voglia furiosa di tornare in campo e prenderci un traguardo che vorremmo poi condividere coi nostri tifosi. A stagione finita ci sarà tutto il tempo per sederci con la società e parlare del futuro”.

Enrico Bonzanini