Caritas: messi a disposizione 10mila euro per buoni spesa

Viste le difficoltà di approvvigionamento al Banco Alimentare a Parma iniziano a esaurirsi le scorte di generi alimentari. Per rispondere in ogni caso a questa emergenza la Caritas Diocesana di Carpi, tramite la Fondazione Caritas Maria e Odoardo Focherini, ha messo a disposizione delle parrocchie un fondo di 10mila euro per l’acquisto di buoni spesa nei supermercati.

0
553

Come era prevedibile le conseguenze dell’epidemia sul piano sociale iniziano già a farsi sentire. “C’è gente che comincia ad avere fame” è stato il grido d’allarme lanciato da Papa Francesco ed è ciò che cominciano a verificare i centri di ascolto della Caritas sul territorio. Viste le difficoltà di approvvigionamento al Banco Alimentare a Parma iniziano a esaurirsi le scorte di generi alimentari. Per rispondere in ogni caso a questa emergenza la Caritas Diocesana di Carpi, tramite la Fondazione Caritas Maria e Odoardo Focherini, ha messo a disposizione delle parrocchie un fondo di 10mila euro per l’acquisto di buoni spesa nei supermercati. “E’ una modalità per rispondere alle esigenze più immediate – osservano gli operatori di Carpi -, perché permette alle famiglie di avere una maggiore varietà di prodotti, ad esempio gli alimenti freschi, che difficilmente trovano nelle sporte delle Caritas parrocchiali”. Come sempre i fondi dell’8×1000, erogati da Caritas Italiana, continuano a essere impiegati oltre che nel progetto Salute, oggetto della Quaresima di Carità Alleati per la cura, anche per Emergenza Freddo e Progetto Scuola e oggi a disposizione anche per le eventuali necessità legate all’emergenza coronavirus.
Ammontano a più di 3mila euro (aggiornamento al 27 marzo) le donazioni pervenute finora a sostegno del progetto della Quaresima di Carità Alleati per la cura, per aiutare famiglie e singoli a far fronte alle spese sanitarie, contribuendo così ad allentare la pressione su ambulatori e ospedali in questa epidemia. “La gente risponde al nostro appello con generosità – affermano gli operatori Caritas – e ciò dimostra fiducia nei confronti della Caritas e della Chiesa per la sollecitudine verso i poveri. Proprio questa fiducia ci spinge ulteriormente ad impegnarci perché le donazioni siano impiegate al meglio nel portare sollievo a tanti fratelli e sorelle indigenti e soli. Ne daremo un resoconto dettagliato”.
Come contribuire: è possibile effettuare donazioni tramite bonifico bancario IBAN: IT86X0538723300000001422974 intestato a Diocesi – Caritas Diocesana Carpi indicando la causale: Quaresima di Carità 2020 – Info www.caritascarpi.org