Il grande cuore dei giovani

Leo Club Carpi e Agesci Zona di Carpi hanno consegnato all’Ospedale Ramazzini 33 saturimetri.

0
794

Leo Club Carpi e Agesci Zona di Carpi (comprendente i gruppi scout presenti a Carpi, Mirandola, Medolla, Rolo e Limidi) hanno deciso di lanciare la campagna di fundraising Potenziamo l’Ospedale di Carpi per raccogliere fondi destinati al potenziamento e al sostegno dell’Ospedale Ramazzini di Carpi. Grazie a questa iniziativa e al contributo di tutti coloro che hanno generosamente partecipato i due sodalizi sono riusciti a fornire il primo aiuto all’ospedale. In particolare, grazie alla collaborazione del direttore sanitario dell’Ospedale di Carpi, del primario dell’Oncologia e dell’Associazione Malati Oncologici di Carpi, le associazioni hanno individuato come beni urgenti da donare i saturimetri, strumenti grazie ai quali è possibile calcolare rapidamente la quantità di ossigeno circolante nel sangue e dunque valutare tempestivamente la necessità di un ricovero per i pazienti affetti da Covid-19. Il 24 marzo, a soli 10 giorni dal lancio della campagna, sono stati consegnati 33 saturimetri, immediatamente distribuiti ai reparti per l’utilizzo sui pazienti ricoverati.

Alcuni dei saturimetri saranno dati in dotazione anche alle squadre domiciliari  (medico e infermiere) che hanno il compito di visitare i pazienti positivi al domicilio. Il service ha previsto un costo totale di 4.500 euro, 1.500 dei quali stanziati dal solo Leo Club Carpi all’inizio della campagna. “Questi saturimetri – commenta Costanza Benetti del Leo Club Carpi – avranno inoltre il vantaggio di durare per anni, ragion per cui siamo ancora più orgogliosi di aver dato un pur parziale sostegno alla nostra comunità non solo in un momento di emergenza ma destinato a durare nel tempo”.