E-commerce ai tempi del #coronavirus

0
212

Col blocco totale dei negozi, l’unico modo per fare acquisti rimane l’online oltre ovviamente ai supermercati, soggetti comunque a limitazioni.

Alcuni dati interessanti emergono dal Sole 24 Ore. “Cresce la vendita di tutti i prodotti di farmacie e parafarmacie con ordini recordi per gel lavamani, carta igienica (+22,7%), le salviettine umidificate (+260,3%), i fazzolettini di carta (+31,7%).

In una settimana le vendite di farina sono cresciute dell’82%, riso (+61%), pasta (+56,7%), conserve animali (+49,2%) e conserve rosse (+48,7%), surgelati (+24,1%) spiccano i panati pesce (+33,7%) e i vegetali (+22,1%). Anche l’acqua in bottiglia registra una forte crescita, +19,3%.” (fonte: https://www.ilsole24ore.com/art/effetto-coronavirus-parafarmaci-l-alcol-vendite-del-347percento-AD3OdTB?utm_term)

In tutto questo cresce ulteriormente la propensione all’online, in questo caso per un’esigenza specifica, quella di non uscire di casa. Quindi vendita online e consegna a domicilio, un binomio sempre più forte.

La spinta viene proprio dalla spesa alimentare, basta vedere quanto sono occupati i giorni di consegna di EasyCoop e Esselunga. I furgoncini delle due insegne sfrecciano in lungo e in largo in città a qualsiasi ora della giornata.

Le persone costrette in casa hanno sicuramente più tempo per navigare su internet, anche se chiaramente in questo periodo il focus è sui beni primari. Quindi funzionano tutti i prodotti alimentari e farmaceutici mentre potrebbero esserci cali in altri settori come abbigliamento e tempo libero, per non parlare del turismo, ormai ridotto a zero, speriamo per poco tempo.

Questa crisi ha costretto anche molte attività a ripensare il proprio business da punto vendita fisico a consegna a domicilio, soprattutto per le attività locali. Ormai non è solo la pizzeria che fa consegna a domicilio, chiunque venda prodotti deve considerare questa possibilità.

Chi invece è fermo per che ad esempio è insegnante di ginnastica, yoga, pilates o di lingua potrebbe approfittare dell’occasione per organizzare lezioni online come fanno gli insegnanti con i bambini a scuola.

Come in tutti le situazioni di crisi – e la storia ce lo insegna – il genere umano può trovare nuove idee e nuovi modi per continuare ad andare avanti.

#andratuttobene

Alessandro Zocca
Specialista Web Marketing