Mancata disdetta di una visita? L’Ausl sospende la sanzione

Niente sanzione ma la richiesta di un gesto di responsabilità da parte dei cittadini che sono comunque invitati a comunicare, ogni volta che sia possibile, la disdetta nei tempi utili, per dare modo di rimettere a disposizione le prestazioni per chi ne abbia davvero necessità.

0
1087

“In caso di febbre o sintomi influenzali la invitiamo a disdire la prenotazione. Considerata la situazione legata alla diffusione del coronavirus per gli appuntamenti programmati dal 23 febbraio 2020 e fino a nuova comunicazione sono giustificati i casi di mancata o tardiva disdetta e quindi non verrà applicata alcuna sanzione. Qualora però ritenga di non poter usufruire della prestazione la preghiamo comunque di disdire sempre la prenotazione”.
E’ parte del messaggio che sarà inserito nella tradizionale “chiamata telefonica” – o recall – dell’Ausl che ricorda ai cittadini gli appuntamenti prenotati: adesso, contiene anche l’invito a evitare ospedali e ambulatori in caso di sintomi respiratori e ricorda che non sarà applicata la sanzione in caso di mancata o tardiva disdetta.
Per tutti gli appuntamenti programmati dal 23/2/2020 e fino a nuova comunicazione, infatti, la Regione Emilia-Romagna ha stabilito di non applicare la sanzione per mancata disdetta in caso di spostamenti e annullamenti senza l’anticipo di due giorni lavorativi previsto dalla normativa.
Niente sanzione è vero, ma la richiesta di un gesto di responsabilità da parte dei cittadini che sono comunque invitati a comunicare, ogni volta che sia possibile, la disdetta nei tempi utili, anche per dare modo di rimettere a disposizione le prestazioni per chi ne abbia davvero necessità.
La disdetta può essere effettuata in qualsiasi momento (24 ore su 24) per telefono, al numero verde 800 239123.

Online, accedendo al servizio www.cupweb.it/cup_web_regionale/disdettaCUP.htm
O con la App ER Salute.