La nuova galleria dello shopping si presenta alla città

“Entro Pasqua questi sette spazi di varie metrature da destinare al commercio saranno pronti per essere affittati” spiega Federica Vertechy, legale rappresentante della società Modernissimo.

0
2928

Varcare il portone al civico 6 di Piazza Martiri è un’emozione straordinaria soprattutto per chi, in quello storico palazzo che per anni ospitò il cinema Modernissimo, non ha mai messo piede.
Passo dopo passo si solca un opaco linoleum logorato dal tempo, si ammira la biglietteria ancora intatta e poi, superata la vecchia servitù pedonale si giunge in una galleria a cielo aperto che toglie il fiato. Un gioiello inaspettato che custodisce giardini interni e antiche dimore e giunge sino a via Ciro Menotti. Oltre a rappresentare uno scorcio carpigiano da riscoprire, questo spazio si appresta ora a cambiare volto, diventando la nuova galleria dello shopping del centro storico.
“Abbiamo acquistato questi spazi e iniziato la ristrutturazione nel 2010 – spiega Federica Vertechy, legale rappresentante della società Modernissimo – poi i lavori hanno subito una battuta d’arresto a causa del sisma e dei vincoli dettati dalla Sovrintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggi ma ora tutto sta procedendo speditamente ed entro Pasqua questi sette spazi di varie metrature da destinare al commercio saranno pronti per essere affittati”. Di comune accordo con l’amministratore del complesso residenziale Borgogioioso, che ospita i futuri negozi, a breve “si rimetterà mano all’intonaco, mentre i vecchi tetti verranno ripristinati, per riportare questo luogo pieno di fascino allo splendore d’un tempo.
Futuribilmente poi, – prosegue Federica Vertechy – in accordo con i fratelli Benzi, proprietari di una parte dello storico palazzo, ci piacerebbe riportare alla sua antica bellezza anche la vecchia scenografia del cinema e valorizzare così un pezzo della storia della nostra città”.
In un momento certamente complesso per il commercio, questi nuovi spazi rappresentano una scommessa: “sono convinta che siano ancora molti coloro che non vogliono rinunciare al contatto umano e a entrare all’interno di un negozio fisico. La sfida dei commercianti
oggi è quella di stare al passo coi tempi, di accettare il cambiamento e offrire servizi differenti rispetto al passato, a partire da una maggiore flessibilità oraria. Io credo nelle potenzialità di questa galleria, uno spazio dotato di tre accessi – Piazza Martiri, via Ciro Menotti e via Berengario – e che verrà chiuso soltanto la sera. Una galleria a cielo aperto, piena di luce, che potrà ospitare punti vendita diversificati e di qualità”.
Congiungendo fisicamente via Menotti alla Piazza, la galleria potrebbe poi diventare parte di un percorso circolare che racchiude anche la vicina via della Catena,
un modo per incentivare la ripresa di una delle strade più suggestive del centro e inspiegabilmente del tutto desertificata. “Il centro è pieno di portoni che celano tesori sconosciuti. La riapertura di quello dell’ex Modernissimo – conclude Federica Vertechy – è un modo per restituire un angolo di grande bellezza alla cittadinanza”.
Jessica Bianchi