Il carpigiano Guerrino Ferrari tra i vincitori

Assegnati i riconoscimenti ai poeti di Poetar Padano.

0
573

Si è svolta domenica 27 ottobre la cerimonia per l’assegnazione dei riconoscimenti ai poeti partecipanti alla 30° edizione del premio di poesia dialettale Poetar Padano promosso dall’Associazione culturale Il Portico. Un traguardo significativo per questa manifestazione che mantiene viva non solo la tradizione del dialetto ma cerca anche di valorizzare la poesia come modalità di espressione di sentimenti e ideali alternativa alla volgarità dilagante nella società. Una quarantina i poeti che hanno inviato le loro opere con presenze da Mantova, Verona, Venezia, dalla Romagna, oltre alla consueta folta delegazione ferrarese e si è riscontrato un bel ritorno di poeti carpigiani e della provincia di Modena. Ad allietare la cerimonia la compagine musicale Mutina sound, che ha introdotto il bel pomeriggio con una dedica speciale a Dante Colli e al Poetar Padano e presentato un brillante repertorio di canzoni originali in dialetto. Ad aggiudicarsi il primo premio nelle varie sezioni del concorso sono stati: nella Lirica Sauro Roveda di Formigine, nella Umoristico-satirica Guerrino Ferrari di Carpi (in foto con Levoni), e nella Poesia in italiano Franco Ponseggi di Bagnacavallo. Le poesie vincitrici, quelle segnalate e quelle frutto di particolari menzioni sono state raccolte in un bel volume corredato dalle immagini delle medaglie edite da Alberto Lodi, grande amico dell’Associazione Il Portico, e realizzate su disegno di Romano Pelloni. A consegnare i premi sono intervenuti Franco Rebecchi, presidente del Rotary Club di Carpi, Giorgio Cavazzoli e Pier Giuseppe Levoni in rappresentanza degli Amici delle Arti e Tradizioni popolari del dottor Contini. La manifestazione si è conclusa con una poesia di Iolanda Battini. Il premio ha goduto del patrocinio del Comune di Carpi e del contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e del Rotary Carpi. A supportare il presidente dell’Associazione Il Portico Dante Colli, il segretario del premio Siriano Masetti e la Giuria presieduta da Pier Giuseppe Levoni con Mauro D’Orazi e Luigi Lamma.