Il Cabassi si tinge di jazz

Il debutto è in programma sabato 26 ottobre quando salirà sul palco della sala di via don Davide Albertario, 41 il Sensation Trio.

0
717

C’è stato un tempo in cui, negli Anni ’90, a Carpi c’era grande attesa per le serate jazz che richiamavano gente di ogni tipo, appassionata del genere musicale fatto di ritmo e improvvisazione. Era il 1992 e non erano tanti i locali in cui si poteva ascoltare musica dal vivo, se non a teatro o nelle rassegne estive. Allora, un gruppo di amici, legati al presidente del Circolo Cabassi che a quel tempo era Stefano Covezzi, organizzò serate di musica jazz proponendo il progetto al Cabassi che si buttò in quella che sarebbe stata una meravigliosa avventura. Oggi, sempre per iniziativa del Cabassi, tornano le serate jazz con l’obiettivo di rispolverare gli antichi successi e, allo stesso tempo, dare visibilità a gruppi musicali di giovani artisti del nostro territorio. “E chissà che un giorno non diventino famosi come è successo ai protagonisti delle serate jazz degli Anni ‘90” commentano il presidente del Cabassi Gianni Gherli, Gianmarco Sassi e Maura Tomasini che lo affiancano. Il debutto è in programma sabato 26 ottobre quando salirà sul palco della sala di via don Davide Albertario, 41 Sensation Trio con Carlo Atti (sax tenore), Filippo Cassanelli (contrabbasso) e Andrea Grillini (batteria). Si prosegue sabato 30 novembre con Angiuli Trio: Elisa Aramonte (voce), Francesco Angiuli (contrabbasso) e Stefano Calzolari (pianoforte). L’ultima serata è in cartellone il 7 dicembre: sul palco Midnight Quartet con Simone Allegretti (contrabbasso), Giuliano Nora (sax), Andrea Cappi (pianoforte) e Francesco Zanarelli (batteria). L’ingresso a tutte le serate è fissato alle 20 con apericena compresa nel biglietto d’ingresso di 10 euro.

S.G.