La cultura circola sui social e sfocia nella realtà

0
342

Due amici appassionati di musica decidono di utilizzare i social per condividere i propri interessi culturali e creare aggregazione. Nasce così il blog Radio RoMarti, dalla crasi dei cognomi degli ideatori, Paolo Romano e Federico Martinelli e che quest'anno festeggia il primo anno di attività, 20 collaboratori coinvolti finora e circa 2mila visite al mese.
"Era l'aprile del 2018 quando abbiamo deciso di creare il blog  in cui scrivere degli articoli a sfondo musicale – ha raccontato Paolo Romano, laureato in Informatica per il Management – allo stesso tempo abbiamo aperto altri profili social come Instagram, Youtube e Twitter. Essendo uno sviluppatore web, ho creato il sito in casa, acquistato il dominio e, insieme a Federico, abbiamo iniziato a scrivere articoli sugli eventi musicali e su altre tematiche riguardanti sempre il mondo della musica. Siamo partiti in due e ora siamo in 20, tra blogger, social media manager, planner, insegnanti di inglese, marketing manager e altri ruoli. Siamo tutti amici, volontari che fanno questo come hobby".
Il progetto, nato inizialmente per pubblicare informazioni su brani e artisti musicali, si è evoluto nel tempo fino a diventare un canale di divertimento e aggregazione molto più ampio a cavallo tra la vita on-line e off-line, in grado di esportare attività culturali e di condivisione anche nella vita reale, come le conversazioni al bar in inglese.
Stasera, venerdì 13 settembre si terrà il sesto appuntamento English chat in Carpi,  al Cartizze Cafè in via Meucci, 1 alle 20, aperto a tutti e gratuito.
Che cosa deve aspettarsi chi partecipa a un aperitivo in inglese?
"Di solito il programma consiste in una breve presentazione del progetto Radio RoMarti in inglese, un rapido giro di presentazioni dei partecipanti sempre tutto in inglese e poi, a ogni appuntamento, il nostro team organizza giochi e attività diverse per allenare lo speaking in lingua inglese (obiettivo vero della serata) grazie all’aiuto di Greta Boschini, insegnante madrelingua inglese di una scuola privata di Carpi (Wall Street) che fa parte del team RRM. Alla fine si rimane in compagnia cercando di continuare la conversazione in inglese e divertendoci insieme. Tutti i nostri eventi hanno lo scopo di imparare qualcosa divertendosi e di allargare le reti sociali. Tutti sono i benvenuti. In questi mesi abbiamo connesso moltissime persone che fino a poco tempo prima non si conoscevano nemmeno di vista. Noi stessi abbiamo conosciuto persone che prima non conoscevamo, e penso che questo sia l'aspetto più bello. Tutto fatto con pochissimo investimento di denaro. Testimonianza del fatto che per organizzare qualcosa non servono grosse risorse, ma solo tanta volontà e passione”.
C'è dell'altro?
"Oltre a questo abbiamo realizzato dei party con djset a temi vari, come l'ultimo presso I Vizi del Pellicano a Fosdondo, dove abbiamo organizzato una festa a tema Anni 8’0, con dresscode ’80, angolo polaroid in cui scattare foto con gadget di quegli anni, quizzone durante le cene su cultura generale Anni ’80 (karaoke di penitenza) e dj set. Inoltre, abbiamo organizzato delle lezioni pubbliche su come scrivere articoli su un blog con la piattaforma WordPress, tenute da me con un discreto seguito”.
Progetti e desideri per il futuro?
"In questi giorni stiamo ristrutturando il sito web ed elaborando un nuovo piano editoriale che partirà a ottobre. Vogliamo crescere, aumentare le visite al blog e agli eventi, e arriva a coinvolgere sempre più persone. Pertanto, siamo aperti a tutti e sempre alla ricerca di nuovi collaboratori. Abbiamo numerosi progetti paralleli su cui stiamo lavorando ogni giorno, tra i quali alcuni progetti commerciali. Stiamo stringendo delle collaborazioni con alcuni locali della zona per poter organizzare altri eventi per tutto il periodo invernale 2019-2020.
Alla sera ci ritroviamo nel garage RRM per lavorare insieme, ascoltare musica e tirar fuori nuove idee: è il nostro incubatore, da quel posto nascono tutte le nostre attività. Crediamo nel potere del Noi: da lì parte tutto".
Chiara Sorrentino