Riflessi di felicità

0
322

E’ uscito Riflessi di felicità il nuovo libro della giornalista carpigiana Annalisa Bonaretti. Benedetta è l’io narrante; Caterina, Giovanna, Giulia, Pia formano, insieme a lei, “le dita di una mano”. Diverse e unitissime, non si sono mai perse di vista. A quarant’anni dalla maturità organizzano un weekend a Venezia per incontrare le altre compagne di collegio. Hanno frequentato il liceo linguistico dalle Orsoline a Cortina e poi, tre di loro, Cà Foscari. Impossibile condensare quarant’anni di vita in un paio di giorni così, la sera, dopo essere state a cena al Milion, quando si ritrovano in una stanza del residence dove sono scese, decidono di raccontare un solo episodio, “un tornante” della loro vita tra i 18 e i 21 anni. Storie che diventano spunti per riflessioni su temi sociali attuali come la violenza sulle donne, gli anni di piombo, i social media, la 194, l’Isis. In mezzo i ricordi, intensi ma mai troppo nostalgici. Caterina, “Signorina-So-tutto-io” fa finalmente autocritica: brillante, intelligente, rivela una inimmaginabile fragilità di fondo. Giovanna, l’equilibrio fatto a persona, svela un segreto tenuto nascosto per decenni. Giulia, tollerante ed elegante, racconta un episodio che le ha cambiato la vita. Pia, riservata, una famiglia benpensante alle spalle, confessa il turbamento causato da un’amara vicenda. Benedetta, occhi di brace e carattere all’apparenza fortissimo, affronta un passato che l’ha ferita e disorientata e che, solo adesso, ha saputo lasciare andare. Anche Rossella e Claudia si raccontano. E riemerge il Quaderno delle Felicità, protagonista la famiglia dei Babaci. Sullo sfondo, le altre. E una Venezia non turistica capace di rinnovare emozioni. Le loro suore sono appena accennate, ma con gratitudine perché hanno insegnato a delle ragazzine ingenue il valore della libertà autentica, frutto della capacità di scelta. C’è anche un quasi omicidio accaduto a Cortina che le ha viste involontarie testimoni. Le prime storie di droga a lambire il jet set. Un romanzo sull’amicizia tra donne, sugli innamoramenti giovanili che hanno segnato le vite delle protagoniste e l’esistenza di tutti quanti noi. Inquietudini e passioni di un gruppo di ragazze degli Anni Settanta. Formidabili.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here