“Leggere è l’unico modo per conoscere cose nuove”

0
205

“Un incontro che non ci farà migliorare solo come scrittori, ma ci farà capire perché davvero è bello scrivere (che poi è un sinonimo di vivere)”: è il messaggio che gli studenti hanno affidato alla locandina confezionata da loro stessi in vista dell’incontro con Davide Morosinotto. Lo scrittore si è presentato puntuale lo scorso mercoledì pomeriggio presso l’aula magna delle Fassi per incontrare gli alunni delle classi 1H e 2H delle medie Pio, 1E e 2B della scuola media Fassi e 5A delle elementari Rodari, accompagnati dalle insegnanti Daniela Pellacani, Jenny Poletti ed Enrica Malavasi. A ruota libera i ragazzi hanno posto le domande e, con grande naturalezza, Morosinotto si è raccontato svelando i segreti dei suoi libri e riferendo episodi della sua vita.
La voglia di scrivere risale “alla seconda superiore quando desideravo tanto un motorino, ma i miei genitori mi dissero che se lo volevo dovevo comprarlo con i miei soldi.
A scuola vidi il cartellone di una gara di scrittura che metteva in palio quattromila euro e senza pensarci due volte partecipai.
Arrivai quarto, ma vinsi comunque un po’ di soldi per comprare un Ciao, un vecchio motorino che esplose la settimana successiva all’acquisto. Finii in ospedale ma dalla soddisfazione per quella avventura è nata la consapevolezza di ciò che avrei voluto fare da grande: lo scrittore”. Morosinotto inizia incidendo audiocassette ma poi, scomparsi i dispositivi utili per l’ascolto, “mi sono deciso a utilizzare solo il taccuino, su cui scrivo tutto quello che penso sia da ricordare”.
I libri nascono da un lavoro fatto in team con persone  che hanno formazioni completamente diverse e le ispirazioni principali derivano da viaggi, amici e libri: “leggete più che potete – è il suggerimento di Davide Morosinotto – anche quello che non vi piace perché è l’unico modo per conoscere cose nuove.
Io, per esempio, sto leggendo La storia degli asparagi”. Ai ragazzi ha poi spiegato alcune tecniche di scrittura, a partire
da un classico così amato come la saga di Harry Potter in cui la Rowling lascia i capitoli in sospeso per indurre il lettore a non staccarsi mai dai libri, e facendo riferimento ai suoi libri come Il rinomato catalogo Walker Dawn, “che ho scritto per me mentre ero in vacanza ma senza l’idea di pubblicarlo perché pensavo che fosse noiosissimo. Poi un amico l’ha spedito a un editore e grazie a un prezioso lavoro di editing è nato Il rinomato catalogo Walker Dawn”.
L’incontro con Morosinotto è stato sicuramente all’altezza delle aspettative dei ragazzi che lo hanno seguito con attenzione, chiedendo consigli e trascorrendo un’ora e mezza molto piacevole in uno scambio continuo di idee, punti di vista e parole.
Sara Gelli

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here