La moda loca che fa rima con ricerca, qualità ed estro

0
255

38 anni di energia ed entusiasmo. La carpigiana Giulia Martinelli è un concentrato di passione. Mente in perenne movimento, Giulia, solare e sbarazzina, è stata la prima in città a creare un negozio a dir poco speciale: un luogo pensato su misura per mamme  e bambini, nel quale offrire una linea tutta sua. L’oca Loca, in via Cattani, 77 è tutto questo e molto altro. Una vera e propria coccola. Una ventata di giocosa freschezza. Qui i piccoli possono giocare, leggere o colorare sui morbidi tappeti stesi ad hoc sul pavimento, mentre le mamme si dedicano allo shopping. La linea griffata L’oca Loca è nata grazie all’estro di Giulia. In punta di piedi. “All’inizio – racconta – è stata una scommessa ma i risultati mi hanno dato ragione. Scegliere materiali di qualità, naturali, con cui vestire i bambini è stata una scelta apprezzata”. Pensati e disegnati da Giulia, i capi vengono poi realizzati grazie alla sapiente maestria di alcune sarte carpigiane: “le mie sartine – sorride con affetto Giulia – sono a dir poco eccezionali! Rendono ogni mio desiderio una realtà. Sono davvero orgogliosa di quanto stiamo facendo insieme”. La linea L’Oca Loca è interamente creata in città: “il desiderio che mi anima è quello di fare bene e di non scendere mai a compromesso; ecco perché ho deciso di ricorrere solo a maestranze italiane per non diventare complice di nessuna forma di sfruttamento. Il lavoro a basso costo cela sempre un preoccupante rovescio della medaglia”. Ogni collezione si compone di pochi pezzi: tessuti resistenti e naturali, per garantire ai più piccini il massimo della comodità, senza però rinunciare a qualche piccolo vezzo. Una pennellata di colore, una spilla a forma di farfalla, una riga qua e là, un cravattino, una berretta con tanto di orecchie, una manciata di pois e… il gioco è fatto. Capi originali, stilosi e divertenti che portano l’impronta creativa di Giulia.  Anche se la moda bimbo resta il suo primo amore, Giulia proprio non ce la fa a restare con le mani in mano e così si è lanciata nell’ennesima avventura: “ho pensato che sarebbe stato davvero divertente vestire le mamme come i propri bimbi e così ho dato vita a una linea donna alquanto particolare”, sorride Giulia. Dimenticate taglie e linee austere, i capi di Giulia sono pensati per avvolgere con dolcezza ogni curva, a partire da quelle ancora lievemente arrotondate dalla gravidanza e non solo. La morbidezza con cui i tessuti sfiorano il corpo, è in grado di sottolineare ed esaltare con delicatezza la femminilità di ogni donna: dalla più sottile alla più formosa. Una linea sbarazzina, dal tocco leggermente retrò: “il punto di forza della collezione credo risieda nella ricerca dei tessuti. Per me è fondamentale trovare lane pregiate, caldissime e di qualità, oppure tessuti stampati e coloratissimi con motivi dal tocco squisitamente  Seventies” (da marzo le nuove collezioni primavera donna e bambino sbarcheranno anche sul web: www.localoca.bigcartel.com). Ed ecco prendere vita maxi cardigan, cappotti senza cerniere né bottoni, pantaloni over size, jumpsuit, turbanti per capelli, abiti… creazioni tutte da scoprire e provare. Da L’oca Loca naturalmente, in un’atmosfera piacevole e informale, dove grandi e piccini, coccolati da Giulia, non possono che sentirsi a casa.
Jessica Bianchi

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here