I lavoratori dell’Emergenza/Urgenza preannunciano lo stato di agitazione

0
116

Oggi, dopo una partecipata assemblea con la presenza di oltre 60 operatori sanitari dipendenti dell'Azienda Usl di Modena assegnati al servizio di Emergenza territoriale 118 e ai Pronto soccorso degli ospedali di Baggiovara, Vignola, Mirandola, Carpi, Pavullo, il sindacato Fp/Cgil di Modena preannuncia lo stato di agitazione.  I motivi della protesta dei lavoratori si potrebbero sintetizzare sotto un unico titolo: Vogliamo lavorare in sicurezza per garantire sicurezza ai cittadini.“Si tratta di una vertenza che ha avuto inizio formale  a maggio del 2015, esattamente a un anno dal trasferimento della Centrale Operativa del 118 a Bologna – afferma Anna Paragliola della segreteria Fp/Cgil Modena – quando attraverso una lettera formale inviata all'Ausl mettevamo in evidenza le problematiche che ancora erano in attesa di risposte”.
In particolare:  difficoltà organizzative determinate da un diverso e complesso assetto territoriale e   organizzativo del servizio di Modena rispetto a Bologna anche in termini di protocolli, risorse umane e strumentali assegnate;  attrezzature e dotazioni strumentali insufficienti e obsolete;  la maggior parte delle ambulanze non rispetta i criteri dell’accreditamento regionale (devono avere meno di 7 anni e aver percorso meno di 300.000 km);  problematiche di sicurezza relative al mancato intervento di adeguamento strutturale sulle diverse sedi;  insufficiente personale per il rispetto dei riposi tra un turno e l'altro e per una distribuzione equa dei turni di lavoro; differenze salariali determinate da scelte unilaterali dell’Azienda non condivise.
Quella comunicazione ha portato a un tavolo sindacale il 1° ottobre 2015. Il punto dolente è rappresentato proprio dal fatto che, esattamente un anno dopo, la Fp/Cgil registra un peggioramento della situazione lavorativa denunciata dagli operatori. Un peggioramento che, inevitabilmente, si traduce in un abbassamento della qualità del servizio offerto al cittadino.
“A questo vanno aggiunte le difficoltà rappresentante dagli operatori dei diversi Pronto Soccorso – prosegue la sindacalista – che registrano un aumento degli accessi a fronte di una diminuzione delle risorse umane e di un’organizzazione del servizio non certo efficace”.
La centralità del 118 e dei Pronto Soccorso nel sistema sanitario provinciale deve prevedere un preciso impegno per un’adeguata disponibilità di risorse umane e tecnologiche. Per queste ragioni è necessario un suo potenziamento sul territorio e una modernizzazione del servizio, attraverso investimenti chiari e tempistiche definite. “Ci aspettiamo questo dal tentativo di conciliazione che ci sarà in Prefettura nei prossimi giorni – conclude Paragliola – perché siamo convinti che è interesse anche della Direzione Generale dell’Ausl di Modena dare risposte concrete a coloro che tutti i giorni operano sul campo con grande professionalità e costituiscono molto spesso la porta principale di ingresso del servizio sanitario provinciale”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here