Fallimento Coan e Arb2: si aggrava il disagio degli ex lavoratori

0
81

E’ trascorso esattamente un mese da quando per 50 lavoratori è iniziato l’incubo del posto di lavoro, ovvero dal 14 giugno, giorno in cui hanno trovato chiusi i cancelli delle loro aziende, la Coan e la Arb2 di Carpi, società legate entrambe a un unico amministratore. Nel frattempo per le lavoratrici è giunto il primo mese senza alcun tipo di introito economico.
Nonostante l’impegno dei curatori fallimentari designati, ancora non sono infatti arrivate le lettere di licenziamento, grazie alle quali potrebbero accedere quanto meno al sussidio di disoccupazione (Naspi).
Intanto, molti di loro, che sono mono reddito, stanno facendo i conti con un gravissimo disagio sociale. “Alcuni – afferma Sergio Greco della Filctem/Cgil di Carpi – hanno ricevuto intimazioni di sfratto dai proprietari dei loro appartamenti. Altri, essendo famiglie monoreddito, cominciano ad avere seri problemi economici”.
Sul piano vertenziale, la Filctem/Cgil sta verificando con i propri legali se “esistono legami tra la società Breros, nata pochi mesi prima del fallimento di Coan e Arb2, e le due società fallite”.   
Intanto le lavoratrici e i lavoratori rimasti senza lavoro, sabato 16 luglio distribuiranno volantini in Piazza Martiri a Carpi, per ricordare alla cittadinanza e alle istituzioni, che mentre la Breros lavora a ritmo incessante effettuando persino lavoro straordinario al sabato, loro sono a casa senza stipendio, senza ammortizzatori e con l’incombenza di difficoltà economiche gravissime.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here