Europa: un’altra pietra è stata posta

0
143

Sono rientrati col sorriso sulle labbra e un’esperienza preziosa in più, i dodici studenti dell’Itis Leonardo da Vinci di Carpi rientrati dopo aver partecipato al progetto di mobilità Erasmus +. Dopo Olanda e Norvegia, questa volta i giovani, accompagnati dalle due docenti di inglese, nonché referenti del progetto, Donatella Barp ed Elisabetta Ferretti, hanno fatto tappa a Curtea de Arges in Romania. “Con la mobilità in Romania, Erasmus + ha completato le attività per l’anno scolastico 2016-2017. Il tema sviluppato, How do I know I know it, è estremamente importante nel processo di apprendimento in quanto implica una profonda riflessione sulle strategie che conducono alla conoscenza. La capacità di valutare il proprio operato e quello altrui è inoltre una delle abilità trasversali indispensabili per poter agire in modo efficace nel mondo del lavoro e in quello accademico”, spiegano le due insegnanti. Gli studenti italiani, rumeni, polacchi, inglesi e olandesi hanno lavorato in gruppi di nazionalità mista sul concetto di Europa. Il tema Europe a living culture ha ispirato approfondimenti sugli aspetti comuni dei patrimoni europei, al fine di rafforzare il sentimento di appartenenza a una stessa comunità, pur nel rispetto delle differenze culturali, nazionali o regionali.   L’Europa è stata anche la protagonista di una competizione: gli studenti hanno dovuto argomentare le loro istanze di fronte a una giuria di docenti europei che ha valutato l’organizzazione logica e coerente del discorso, la capacità comunicativa, lo stile e la destrezza a catturare e a mantenere l’attenzione del pubblico. Insomma una vera e propria sfida in lingua straniera che ha visto i partecipanti confrontarsi ad altissimo livello su un tema quanto mai significativo per la nostra storia contemporanea. I ragazzi del Vinci, Alessia Baraldi, Akshay Kumar, Alì Asad, Oscar Aragon Celis, Raffaele Bruschi, Giovanni Celia, Valeria Gazzotti, Sebastiano Manfredini, Andrea Manganiello, Simone Scaltriti, Adrian Voloc e Taqasar Walayat si sono mostrati entusiasti e propositivi, “sempre rispettosi delle regole ma vivaci e fantasiosi nell’animare i diversi gruppi, come sappiamo fare solo noi italiani”, sorridono le professoresse Barp e Ferretti.
Gli studenti hanno soggiornato presso alcune famiglie rumene: un’occasione per condividere usi e costumi locali. “Abbiamo davvero apprezzato la gentilezza, l’accoglienza e l’ospitalità che queste famiglie ci hanno riservato”, raccontano i ragazzi. Un’esperienza che li ha colpiti nel profondo, stimolando in loro il desiderio di condividere ulteriori momenti con i propri coetanei europei al termine del periodo scolastico.
“Un’altra pietra è stata posta per il rafforzamento dell’edificio europeo. Il Leonardo da Vinci ha lavorato compatto per raggiungere questi risultati. Ne andiamo davvero fieri”, concludono Donatella Barp ed Elisabetta Ferretti.
Jessica Bianchi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here