La Caccia del Secolo per centinaia di Lupetti e Coccinelle

0
179

Domenica 24 aprile l’Agesci (Associazione Guide E Scouts Cattolici Italiani) organizza in tutta Italia l’evento Caccia del Secolo che coinvolgerà migliaia di Lupetti e Coccinelle (i bambini e le bambine dagli 8 ai 12 anni).
L’evento vuole ricordare i 100 anni della nascita della proposta scout per i bambini. Nel 1907 in Inghilterra Sir Robert Baden-Powell fondò lo scautismo, rivolto ai ragazzi dai 12 anni in su. Ma ben presto anche molti bambini più piccoli chiesero di poter vivere anche loro l’avventura scout. Così nel 1916 Baden-Powell pubblicò il Manuale dei Lupetti  un libro in cui proponeva un metodo educativo per i bambini che si ispirava in parte alle avventure del branco dei lupi descritte da Rudyard Kipling nei suoi Libri della giungla: da qui il termine lupetto per indicare i bambini e caccia per indicare le loro avventure.
Dal 1916 lo scautismo rivolto ai bambini si è poi diffuso in tutto il mondo. In Italia, 70 anni fa, nel 1946, nacque anche il ramo femminile, le Coccinelle.
Per festeggiare questo centenario, domenica 24 aprile a mezzogiorno in punto, centinaia di lupetti e coccinelle della diocesi di Carpi si riuniranno in un grande cerchio in Piazza Martiri a Carpi: sarà il momento per lanciare tutti insieme un “Grande Urlo”: una tipica cerimonia durante la quale tutti insieme si afferma a gran voce la volontà di impegnarsi a fare del proprio meglio in ogni giorno della vita. L’evento avverrà in contemporanea in tutta Italia, in un centinaio di altre località, e coinvolgerà alcune migliaia di bambini e bambine.
Alla cerimonia a Carpi parteciperanno anche il Vescovo di Carpi, mons. Francesco Cavina, e don Nino Levratti, il sacerdote carpigiano che 70 anni fa fondò lo scautismo a Mirandola e 60 anni fa a Carpi. Nel primo pomeriggio l’evento proseguirà con la S.Messa celebrata dal Vescovo in piazzale Re Astolfo, quindi terminerà in vari gruppi suddivisi nelle parrocchie di Carpi.
In caso di maltempo la giornata si svolgerà comunque suddivisi nelle diverse parrocchie.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here