Al Da Vinci 40 studenti per il progetto targato Lapam

0
149

Con l’intervento all’Istituto Tecnico Industriale Leonardo da Vinci, è entrato nel vivo anche a Carpi il progetto  It’s me, promosso da Lapam per attivare una maggiore collaborazione tra scuola e mondo del lavoro. Lo scorso  15 marzo, infatti, presso l’istituto carpigiano, oltre 40 studenti delle classi quinte, a indirizzo Chimico e Meccanico, hanno partecipato a due sessioni di simulazione di colloqui di lavoro, iniziativa che Lapam porta avanti da anni sul territorio.
Il format ha previsto una presentazione iniziale dell’associazione, effettuata dal responsabile sindacale Carlo Alberto Medici, seguita da un approfondimento sul mercato del lavoro a cura di Franco Rubbiani dell’Ufficio Studi di Lapam, durante la quale sono state evidenziate  le caratteristiche delle imprese del tessuto locale, le modalità  con cui più di frequente vengono ricercate le figure professionali da inserire in azienda, nonché le mansioni aziendali maggiormente richieste. Piatto forte sono poi state le simulazioni di colloquio condotte da due imprenditori di Lapam, Riccardo Cavicchioli e Damiano Pietri, rispettivamente titolari delle aziende Nuova Imballaggi Cavicchioli di Carpi e ABC Bilance di Campogalliano, i quali hanno portato in aula anche la loro esperienza professionale. Durante i colloqui simulati e, soprattutto, nel momento successivo della condivisione con tutta la classe, guidato e stimolato  da Rubbiani, gli studenti hanno potuto mettere a fuoco come ci si comporta  durante il colloquio, quali gli argomenti importanti del proprio vissuto  da far  emergere, quali caratteristiche  personali mettere  in luce e, infine, a quali aspetti  relazionali prestare particolare attenzione durante la selezione. “A giudicare dall’attenzione e dalle domande, nonché dalle riflessioni emerse con le classi partecipanti è evidente – commentano i dirigenti Lapam – come iniziative come queste sono molto  apprezzate dagli studenti poiché permettono loro di avere un quadro più preciso del proprio futuro, legato al mondo del lavoro. Come associazione crediamo molto in questi momenti di collaborazione e scambio  con la scuola, soprattutto quando si riesce, come in questo caso, a portare all’interno delle mura scolastiche la viva voce delle imprese”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here