“Sono io il pilota più veloce di Maranello”

0
224

E’ stato ospite di un interessante meeting del Lions Club Carpi Alberto Pio il pilota dell’Alitalia Clemente Ingenito, origini romane, ma residente a Maranello, dove si è sposato con Mariaelena. Pendolare tra Maranello, Roma e il resto del mondo, Ingenito scherzosamente disse all’ex presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo, di essere “il pilota più veloce di Maranello”, in barba ai piloti di formula uno della ‘rossa’ di casa.
Nella chiacchierata con le socie del club carpigiano, presieduto da Grazia Chiurato (che ha avuto il merito di ‘catturare’ il top gun dell’aviazione italiana e di portarlo alla Corte dei Pio) Ingenito ha raccontato notizie inedite sulla sua vita in alta quota prima come pilota militare e, successivamente, civile. Episodi che hanno interessato e incuriosito i presenti che hanno posto numerose domande, tra cui una relativa alla sicurezza dei voli. “L’aereo – ha prontamente risposto il pilota – è il mezzo di trasporto più sicuro”. Ingenito ha poi descritto le emozioni che si provano ad atterrare e a decollare con un jet militare da una portaerei. Ingenito fu il primo e il più giovane pilota italiano ai comandi di un Harrier sulla USS Kennedy nel 1989 al largo del Messico. Ha poi raccontato con emozione l’esperienza maturata vivendo a contatto coi top gun dell’aviazione americana nella base della U.S. Navy in Florida. Appassionato di aerei sin da bambino, Clemente Ingenito ha conseguito il brevetto da pilota ad appena 17 anni, diplomandosi poi perito aeronautico ed entrando nel 1987 all’Accademia navale di Livorno. E’ stato selezionato per il corso americano Strike e ha partecipato alla missione militare nella guerra del Golfo come componente dello squadrone americano di stanza a Yuma, in Arizona. Dal 1993 al 1999 è stato sulla portaelicotteri italiana Garibaldi partecipando alle campagne miliari in Somalia, Albania e Kosovo. E’ stato anche membro del Gruppo di comando delle operazioni aeronavali della Nato. La sua carriera militare è terminata col grado di tenente di vascello avendo alle spalle più di duecento atterraggi su diverse portaerei americane. E’ entrato nell’aviazione civile nel 1999 divenendo pilota di Airbus dell’Alitalia col grado di primo ufficiale ed effettuando centinaia di voli intercontinentali. Oggi è consulente dell’aeroporto di Bologna e consigliere dell’Associazione nazionale piloti.
Cesare Pradella

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here