La memoria non si imbratta

0
97

“Qualche balordo ha pensato di potere lanciare quasi uno sberleffo all’impegno dei tanti che hanno voluto realizzare il murales nella nostra Carpi, non ha capito o forse non sa, forse non riesce ad avere la sensibilità giusta per capire di cosa si sta parlando. Qualcuno dice: 'E’ solo una ragazzata!', ma se di ragazzata si tratta, non è meno grave. Perché se ci sono dei ragazzi che pensano di poter fare impunemente un gesto di questo genere, rivolto a chi ha donato la vita per la nostra libertà, non è meno grave di un atto criminale. Ci deve far riflettere molto e ci deve far capire che c’è ancora davvero tanto da fare!”: questo il messaggio di Rita Borsellino che, letto dal presidente della Fondazione CR Carpi Giuseppe Schena, è stato da lei rivolto a quanti, sabato scorso, hanno partecipato al presidio davanti ai murales che, nel piazzale della Meridiana, ritraggono, oltre ad altre figure che si sono spese per la libertà e la giustizia, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Giuseppe Tizian. Murales che, realizzati dal Presidio di Libera e dall'associazione Il Mostardino erano stati imbrattati con scritte ingiuriose, tali da raccogliere una reazione di sdegno nella comunità e non solo, tanto che anche l'assessore regionale alla Legalità Massimo Mezzetti non ha mancato di far sentire la propria voce, e in risposta ai quali è stato appunto organizzato questo momento per ribadire che La memoria non si imbratta. “Il gesto è grave – ha aggiunto Schena – ma ancor più grave è la corsa a derubricare la cosa come una bravata da nulla”. A intervenire anche l'assessore alle Politiche giovanili del Comune di Carpi Milena Saina, Nicola Pozzati dell'associazione Il Mostardino (che ha indetto il presidio), Paolo Lodi del Presidio di Libera, l'imprenditrice Cinzia Franchini, il direttore dell'Ufficio diocesano per la pastorale sociale e il lavoro Nicola Marino e il presidente de La Caramella Buona Onlus Roberto Mirabile. “Oggi Paolo, in mezzo a voi, insieme a noi, è sicuramente più vivo che mai”, ha concluso Rita Borsellino nel suo messaggio.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here