Mantova: la capitale della bicicletta

0
73

MMantova diventa capitale delle due ruote per la seconda edizione del Mantova Bike Festival, in programma sabato 26 e domenica 27 settembre. Dal ciclismo sportivo ai percorsi cicloturistici, dalla mobilità ecosostenibile ai laboratori per bambini, dalle innovazioni tecnologiche al vintage e ai convegni tematici. Numerosi eventi con un unico comune denominatore.  Mantova è una città a misura d’uomo, in cui la bicicletta consente di muoversi ammirando e scoprendo luoghi altrimenti inaccessibili. 
Il Mantova Bike Festival è l’occasione per diffondere la cultura di questo mezzo di trasporto ecologico legandolo alle molteplici possibilità del suo utilizzo e allo stesso tempo valorizza la città di Mantova, il suo centro storico, perfetta cornice dell’evento, e i suoi percorsi ciclabili, con indubbie ricadute positive sul turismo. 
La bici risulta essere il miglior mezzo per apprezzare i tesori ambientali, architettonici, storico-artistici disseminati nel territorio e il mezzo ideale per muoversi in modo ecologico e attivo. Grazie alla bicicletta è possibile apprezzare pienamente i dettagli, le atmosfere, i giochi di luce e gli odori della terra.
 La manifestazione si rivolge a un pubblico eterogeneo e trasversale, in quanto le iniziative proposte sono mirate a raggiungere diverse tipologie di persone: dai dilettanti ai professionisti, dalle famiglie ai bambini e a tutti gli appassionati di turismo slow e ciclismo. 
L’appuntamento per gli appassionati di ciclismo vintage è domenica 27 settembre con La Locomotiva Umana, cicloturistica d’epoca (bici e accessori ante 1984) non competitiva a circuito dedicata a Learco Guerra. Il percorso è prevalentemente su strade a bassa percorrenza di automobili e su alcuni tratti di strada sterrata.
La Granfondo cicloturistica Strada del riso e dei risotti mantovani, che si snoda nel territorio della provincia di Mantova noto per la produzione di riso, prevede due percorsi a marcia libera. La partenza alla francese, in ordine sparso, e la non competitività permettono ai partecipanti di muoversi in piccoli gruppi senza eccedere nell’andatura, così da poter anche godere e apprezzare il paesaggio circostante.
Numerosi i percorsi cicloturistici in programma.
In sella verso il Parco Giardino Sigurtà – Suggestivo percorso in bici lungo il fiume Mincio su una delle ciclabili più conosciute d’Italia. Visita guidata a Borghetto e al Castello di Valeggio sul Mincio. Dopo una gustosa sosta alla Speck Stube, si entra nella magia del Parco Giardino Sigurtà e si percorrono in bici gli splendidi viali ombreggiati circondati da una natura lussureggiante. Rientro a Mantova in pullman con carrello porta bici nel tardo pomeriggio.
Lungo il Mincio tra bici e battello – Itinerario all’interno del Parco del Mincio fino a Corte Bell’Acqua a Goito. Si prosegue per Rivalta per la visita al Museo degli Antichi Mestieri del Fiume e si ritorna a Mantova al tramonto a bordo del battello Insolito Mincio.
Le terre dell’alto mantovano – Ciclotour sulle Colline Moreniche del Garda tra dolci paesaggi ricchi di storia e sapori da scoprire: dal Capunsel di Solferino al Tortello amaro di Castel Goffredo. Ritorno in pullman con carrello porta bici.
Alla scoperta del Parco Oglio Sud – Partenza da Mantova per Canneto sull’Oglio in pullman con carrello porta bici. Dopo la visita al Museo Civico di Canneto, si percorre in bici il fiume alla scoperta del Parco Oglio Sud, si visita la maestosa Corte Castiglioni di Marcaria e, dopo il pranzo presso Osteria Due Platani, si rientra a Mantova.
Il fiume e il suo museo diffuso – Biciclettata lungo il Fiume Mincio verso il Basso Mantovano per ammirare tutte le eccellenze del territorio: il Forte di Pietole, il Parco Archeologico del Forcello, il Museo Diffuso del Fiume e l’ex Conca di navigazione del Bertazzolo. Dopo una gustosa sosta all’Ostello dei Concari, rientro a Mantova a bordo della Motonave Andes Negrini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here