“Incontreremo insieme ad Aimag il Comitato Carpi Sostenibile”

0
104

“Le preoccupazioni del Comitato Carpi Sostenibile sono legittime, nella misura in cui il cambiamento rispetto ad abitudini consolidate è sempre percepito come problematico. In questo caso il cambiamento riguarda l’approccio ai nuovi contenitori e alle frequenze di esposizione in quanto per coloro che facevano una corretta raccolta differenziata il comportamento deve rimanere lo stesso. Ormai sono milioni gli italiani che si confrontano quotidianamente con sistemi simili a quello che vogliamo applicare o addirittura con anche un numero maggiore di contenitori, per le raccolta di plastica e vetro. Ed inoltre, vicino a noi, i comuni di Soliera e Novi nonchè le stesse frazioni di Carpi sono luoghi che si confrontano da mesi con questo sistema, e le problematicità individuate dal Comitato sono state superate”.
Così l’assessore comunale all’Ambiente di Carpi, Simone Tosi, replica al Comitato Carpi Sostenibile. E continua: “L’introduzione della tariffa puntuale è uno strumento fondamentale per raggiungere alcuni obiettivi; il primo è quello di far pagare in modo equo il servizio di raccolta, ovvero chi produce più rifiuti paga di più, e chi fa bene la raccolta differenziata e produce meno rifiuti pagherà meno; secondo obiettivo è quello di ridurre la quantità di rifiuti indifferenziati così da ridurre i costi per lo smaltimento, ma soprattutto per non buttare o consumare materie prime; terzo obiettivo ma non meno importante è quello di tutelare maggiormente l’ambiente. Il sistema individuato per raggiungere questi obiettivi, a oggi più economico e ambientalmente più sostenibile, è il passaggio del ‘porta a porta’ alla tariffazione puntuale”.
“Il nuovo metodo di calcolo partirà il primo gennaio 2016: i mesi che ci separano da questa data serviranno a tutti per confrontarsi con questo sistema. Usiamolo provando a capire insieme, cittadini, Azienda, Comune, le criticità e le potenzialità, per trovare il migliore dei sistemi possibili; tenendo fermi però gli obiettivi elencati prima, ovvero premiare chi fa bene la raccolta differenziata, ridurre la quantità di rifiuti, ridurre i costi così da poter avere tariffe più basse. Nei prossimi giorni incontreremo insieme ad Aimag spa il Comitato Carpi Sostenibile per trovare una modalità di confronto positivo – conclude Tosi – e provare a dare risposte alle sue preoccupazioni”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here