A San Felice arriva Benòpoly

0
65

Il Comune della Bassa sarà protagonista, sabato 8 novembre, della perfomance ludico-teatrale per mettersi in gioco e riflettere insieme sul tabellone della proprietà Benòpoly, questo il titolo (che riecheggia quello del celeberrimo gioco di società, il presupposto del quale è la bancarotta dell’avversario per l’ottenimento della vittoria) dell’atelier che, coinvolgendo insieme attori e cittadini, si svolgerà sabato 8 novembre alle ore 21.00 presso il Municipio Temporaneo di piazza Italia a San Felice sul Panaro.
Tra gli appuntamenti più importanti del progetto Beni Comuni – finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e promosso da Comune di Carpi, in collaborazione con ERT Fondazione e ATER, e con il patrocinio del Dipartimento delle Arti Visive Performative e Mediali dell’Università di Bologna  – la propria raison d’etre sta nel ribaltamento dell’idea del Monopoly: dalla lotta di tutti contro tutti, cercando di trionfare privando gli avversari di ogni proprietà fino a spingerli alla bancarotta finale, alla presa di distanza dal concetto di antagonismo, preferendo ad esso una collaborazione tra tutti i partecipanti, al fine di creare un grande spettacolo dal vivo all’insegna dei beni condivisi e partecipati.
Un’esperienza collettiva e gratuita che si propone a quanti prenderanno parte all’evento, adatta a tutta la famiglia e ad ogni fascia d’età, per la quale non sono richieste competenze particolari se non la voglia di mettersi in gioco insieme agli attori del Gruppo di Lavoro Beni Comuni, sotto l’attenta supervisione del regista e direttore artistico Claudio Longhi.
Per partecipare sarà sufficiente inviare una mail comunicando nome, cognome e data di nascita all’indirizzo info@progettobenicomuni.it. Per arrivare allo spettacolo di sabato 8, sarà necessario ritrovarsi insieme per le prove nei giorni di sabato 1 e domenica 2 novembre, rispettivamente dalle ore 14.30 alle 20.30 e dalle ore 11.00 alle 17.00 presso il Pala Round di via Torino.
L’atelier avrà luogo, dopo le prove pomeridiane, alle ore 21.00 di sabato 8 novembre.
Fino a cento partecipanti, quindi, coinvolti per riflettere sui concetti di proprietà e bene comune, attraverso la messa in scena di azioni performative costruite per stazioni, sul modello del tabellone di gioco più famoso al mondo.
A fare da sfondo a questa attività ludico-teatrale sarà la cittadina di San Felice sul Panaro, epicentro del sisma del 20 maggio 2012 e luogo in cui l’idea di perdita, ricostruzione e salvaguardia del patrimonio collettivo ancor prima che personale è diventata parte connettiva del tessuto sociale di un paese che, come tutte le aree colpite dal sisma, ha avuto l’esigenza di ricreare nuovi centri di aggregazione, in attesa che i propri beni, i propri punti di riferimento architettonici e culturali, vengano risanati.
Benòpoly segue Mio, tuo…nostro. Il comune senso della proprietà, lo spettacolo che lo scorso sabato 18 ottobre presso il Teatro Comunale di Carpi ha inaugurato il progetto teso a stimolare i cittadini degli undici Comuni del cratere sismico attraverso l’esplorazione del concetto di proprietà, utilizzando la cultura e il teatro per rigenerare il tessuto delle comunità vittime, due anni addietro, di quei tragici eventi.
Un calendario ricco di incontri, quello di Beni Comuni, che vanta anche la collaborazione con importanti protagonisti della scena contemporanea nazionale e internazionale (da Sarah Jane Morris a Ian Shaw, dai danzatori e coreografi di Aterballetto al violinista Ara Malikian) e si concluderà sabato 20 dicembre a Carpi con un altro grande atelier, il quale sarà il culmine e la sintesi di un percorso costituito da decine e decine di appuntamenti tra laboratori, spettacoli, letture, concerti, mises en espaces e altre sorprese.
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here