Sulla rotta delle api

0
76

Vere e proprie messaggere d’amore, nel nostro ecosistema, le api hanno un ruolo fondamentale per l’impollinazione dei fiori. Dipende infatti dalle api non solo il successo riproduttivo delle flora spontanea ma anche l’80% delle colture agrarie le quali, senza l’azione di questi insetti impollinatori, non produrrebbero raccolti. Le api sono inoltre insetti molto sensibili alla qualità dell’ambiente in cui vivono, tanto da essere ritenute degli indicatori ecologici. La loro presenza e il loro stato d salute sono un indice importante della corretta gestione del territorio e delle condizioni minime di sopravvivenza anche per le altre forme di vita. Sin dall’antichità il principale prodotto delle api, il miele, era conosciuto e apprezzato. Solo dal diciannovesimo secolo però, le api, per essere meglio studiate e monitorate, sono state allevate in arnie razionali. Gli apicoltori utilizzano con studiata e meticolosa parsimonia i loro prodotti: miele, cera, polline, propoli, pappa reale e persino il loro veleno. Le api producono il miele a partire dal nettare – sostanza zuccherina prodotta dai fiori – che viene bottinato e trasformato con sostanze specifiche proprie, poi immagazzinato e lasciato maturare nei favi dell’alveare. Negli ultimi tempi le api soffrono a causa del degrado ambientale e la loro esistenza sembra davvero a rischio. Per meglio difenderle è necessario conoscere il loro entusiasmante, sorprendente e delicato ambiente. Per conoscere di più il mondo delle api e dell’apicoltura, domenica 13 ottobre, al pomeriggio, esperti appassionati dell’oasi La Francesa risponderanno a tutte le vostre curiosità. Il programma prevede, alle ore 15, la presentazione dell’affascinante mondo delle api con tanto di visita all’arnia didattica nel bosco. Prelievo del miele fresco dai telaini con un esperto apicoltore e, infine, una dimostrazione delle varie fasi della smielatura.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here