A Rovereto inaugurata la nuova sede Lapam

0
61

“Restiamo accanto agli imprenditori del territorio, questa apertura di una nuova sede qui a Rovereto è un segnale di fiducia e di speranza che come associazione vogliamo lanciare anche alla politica: dal dramma del terremoto si esce insieme e lo si fa lavorando sodo e togliendo gli ostacoli che ancora ci sono, come quelli legati alla burocrazia e alla lentezza di erogazione dei fondi”. Erio Luigi Munari, presidente generale Lapam Confartigianato, è intervenuto all’inaugurazione della nuova sede dell’associazione a Rovereto sul Secchia. Con lui il segretario generale, Carlo Alberto Rossi: “La sede che avevamo è stata abbattuta per le conseguenze del sisma – spiega quest’ultimo – ma abbiamo scelto di ripartire e di stare a Rovereto. Non si tratta di una delle sedi più grandi della nostra associazione, ma questa volontà di restare rappresenta anche un simbolo. Siamo qui, come negli altri paesi così duramente colpiti, per testimoniare che la struttura di Lapam Confartigianato vuole sostenere la ripresa delle attività”.
Presenti anche il parroco di Rovereto, don Andrea Zuarri e il vice sindaco di Novi di Modena, Italo Malagola. Entrambi hanno sottolineato l’importanza del lavoro e della ripartenza, per dare vitalità a un paese che ha pagato un prezzo altissimo al sisma. Stefano Cestari, segretario Lapam della Zona di Carpi, ha fatto gli onori di casa. A margine dell’inaugurazione della sede, che si trova nella zona artigianale di Rovereto, è stata presentata anche la mostra ‘Emilia, ricostruzione donna’ dedicata alle donne imprenditrici che sono ripartite dopo il terremoto e che sta seguendo un percorso itinerante nei paesi dell’Area Nord della provincia. In questo caso la mostra è allestita proprio a fianco della chiesa di Rovereto, teatro della morte dell’allora parroco don Ivan Martini e oggi messa in sicurezzza pur restando gravemente lesionata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here