Una notte da Oscar alle Focherini!

0
142

Quest’anno, le classi 3A, 3B e 3G della Scuola media Focherini hanno svolto un lavoro di cinematografia, su iniziativa dell’insegnante di Arte e Immagine, Cinzia Gasparotto. Gli alunni sono stati impegnati tutto l’anno scolastico nella realizzazione di un cortometraggio, al fine di avvicinarli concretamente a un linguaggio espressivo quasi inesplorato. I ragazzi hanno accolto con entusiasmo questa nuova esperienza e, superando non poche difficoltà, hanno ottenuto un lavoro dai risultati originali e significativi. Ogni classe ha lavorato in gruppi di 7-8 alunni, i quali hanno seguito un piano operativo preciso: la suddivisione dei ruoli, la sceneggiatura, la ripresa delle scene, il montaggio del film e la locandina.
Per premiare il buon lavoro e, soprattutto, l’entusiasmo dei ragazzi, a conclusione dell’anno scolastico, lo scorso 24 maggio, la professoressa Gasparotto, insieme al collega di Musica, Ezio Diazzi – che ha collaborato alla buona riuscita della serata, dirigendo alcuni alunni della scuola nei brani musicali di colonne sonore tratti da film famosi – ha dato il via alla serata intitolata Cine- Oscar. Oltre agli alunni coinvolti e ai rispettivi familiari, era presente buona parte del personale scolastico: amministrativo, gli operatori scolastici e molti insegnanti alcuni dei quali impegnati nella giuria esaminatrice (Guido Armagni, Pietro Morra, Luisa Novello, Daniela Baivé, Letizia Ori, Cosetta Cigarini, Simona Galli e come ospite Tiziano Mantovani, futuro preside della scuola media di Cibeno). “Con grande orgoglio – ha commentato Cinzia Gasparotto – abbiamo avuto con noi il nostro preside Federico Giroldi e la vicepreside Manuela Ligabue, che con il loro intervento hanno incoraggiato i ragazzi”.
Dopo la visione dei filmati si è giunti alla premiazione con le statuine degli oscar e altri premi per le seguenti categorie: i tre migliori cortometraggi, i tre migliori attori e attrici che hanno avuto il consenso della giuria. Ma i vincitori sono stati tutti, indistintamente, per aver emozionato con il loro impegno e la loro costanza, traendo ricche esperienze dal lavoro di gruppo e soddisfazione nel realizzare qualcosa di personale, espressione delle propria creatività. “Questa iniziativa – prosegue la docente – non solo ha dato ai ragazzi l’opportunità di esplorare e addentrarsi in un’attività artistica nuova ma ha dato spazio alle loro idee e alla possibilità di imparare come realizzarle. Sono convinta che questa sia una buona strada per dare ai giovani l’opportunità di apprezzare la collaborazione, di scoprire cosa si può creare con le idee e il talento, fonti di libera espressione della propria interiorità e interiorizzazione del mondo che li circonda, naturalmente visto attraverso i loro occhi. Siamo veramente fieri dei risultati raggiunti e speriamo di poter proseguire in questo progetto. Chissà se tra noi esiste già un futuro Federico Fellini o una futura Liliana Cavani”. Presunzione? “No – risponde prontamente Cinzia Gasparotto – fiducia nei miei ragazzi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here