Tra la gente, contro l’ictus

0
61

Alice Carpi fa il bis. In occasione della Giornata mondiale contro l’ictus cerebrale, organizza due appuntamenti che ne testimoniano appieno la filosofia: prevenzione attiva e cultura sanitaria.
Il primo appuntamento previsto è sabato 27 ottobre presso la Galleria commerciale di Borgogioioso. Un’intera giornata, dalle 9 alle 21, al Borgo dove, in una postazione, medici, infermieri e volontari effettueranno gratuitamente, a chi lo richiederà, test gratuiti per conoscere il livello di colesterolo e glicemia e verrà misurata la pressione arteriosa con l’ausilio di una nuova apparecchiatura, donata dal Consorzio Farmacisti, in grado di rilevare la fibrillazione atriale. Il presidio di prevenzione è realizzato in collaborazione con gli operatori dei Reparti di Neurologia e Fisiatria dell’Ospedale Ramazzini di Carpi. Domenica 28 ottobre, alle 10.30, presso la Sala multimediale della Biblioteca Loria, Alice organizza la conferenza Ictus, cosa si fa oggi. Dopo l’introduzione del dottor Gabriele Greco, direttore dell’Unità operativa dell’ospedale e presidente dell’associazione, la relazione del professor Vito Toso, consigliere nazionale dell’Italian Stroke Forum. Iniziative rese possibili grazie al sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e Lions Carpi Host. “Come medico – commenta Gabriele Greco – credo profondamente al valore della prevenzione che si può attuare anche con piccoli gesti. Deve passare soprattutto una mentalità fatta di attenzione e di una sana quotidianità, fattori importanti per evitare – ma anche eliminare – alcuni fattori di rischio. La divulgazione della malattia e dei principi di buona salute è un modo efficace ed economico per mantenersi in forma. Il presidio a Borgogioiso ci permette anche di incontrare centinaia, migliaia di persone, un modo semplice per informarle e ‘istruirle’ su alcune regole basilari. La conferenza di domenica è utile agli operatori ma anche ai comuni cittadini perché il professor Toso saprà aggiornarci, con un linguaggio comprensibile a tutti, sulle ultime novità e sulle strategie più nuove per combattere l’ictus”. Sulla patologia, terza causa di morte nei Paesi industrializzati e prima di infermità, Gabriele Greco elenca i dati su Carpi. “Nei primi mesi dell’anno, fino al 29 maggio quando l’ospedale è stato evacuato, gli ictus ricoverati sono stati 124, in linea con il 2011. Da quando è entrata in funzione la Stroke Unit di Carpi ha ricoverato oltre 300 ictus ogni anno. Le trombolisi effettuate quest’anno sono state minori a causa del sisma ma non meno importanti – conclude Greco – perché la trombolisi è un vero e proprio salvavita che si può praticare solo in determinati casi e in certe condizioni. Ma quello che mi preme venga compreso è che dietro ai numeri c’è una filosofia che un reparto può acquisire solo se si mantiene alto il livello qualitativo che la Stroke Unit finora ha garantito alla Neurologia di Carpi”.
A primavera è stato nominato il nuovo Consiglio di Alice, che resterà in carica per il prossimo triennio: la fiducia è stata rinnovata a Gabriele Greco, confermato presidente. Una novità importante riguarda la vicepresidenza: si è scelto di nominare due vice, Lauro Casarini e Ilva Tosi, perché le diverse sensibilità – maschile e femminile -, le differenti provenienze lavorative – organizzative e operative – diventino una ricchezza per tutta l’associazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here