Vita d’artista a Londra

0
111

“Sono nato due volte: una volta a Carpi e una volta a Londra” è questa la frase che il pittore Rossano Poletti, nato a Carpi nel 1970, ma che da 15 anni ha messo radici a Londra, ripete costantemente a se stesso e ai suoi amici come una sorta di mantra.

Con un’innata passione per l’arte in tutte le sue espressioni, Rossano comincia a muovere i primi passi nel mondo della pittura a soli 13 anni quando si iscrive – pur senza terminarla – alla Scuola d’Arte Modenese. Ma la sua vocazione artistica non si spegne lì, e Rossano inizia così un percorso da autodidatta sviluppando le sue capacità pittoriche in corsi professionali, specializzandosi nell’Arte dell’Encausto e iniziando a ricevere appena adolescente numerose commissioni di opere, fino ad approdare alla sua prima mostra personale nel 1996 presso il Palazzo Corso di Modena. Dopo altre importanti esposizioni a Carpi e in varie città italiane, e prestigiosi riconoscimenti di pubblico e critica, nel 1997 Rossano decide di trasferirsi a Londra, nel quartiere di Kilburn, dove ancora oggi vive e lavora come fotografo, pittore e stylist presso una lussuosa boutique. “Per me è Londra la mia città – racconta Rossano, che è rientrato a Carpi solo per qualche giorno – e adesso che sono qui ne sento nostalgia, nonostante sia sempre molto felice di rivedere amici e familiari. La capitale inglese per un artista è ineguagliabile: offre continue ispirazioni e opportunità creative e lavorative”.

Rossano è molto apprezzato per i suoi ritratti sia femminili che maschili, anche se ha iniziato la sua carriere con opere astratte. “Quando ritraggo un viso – spiega il pittore – desidero catturare l’emozione di un istante che ho colto nell’espressione degli occhi e della bocca di quella persona. Le donne dei miei ritratti spiccano per l’eleganza dei lineamenti e del portamento, mentre l’uomo per la forza dello sguardo e del corpo, ed è per questo che mi soffermo spesso sui dettagli della muscolatura in tensione”. Tra le tele di Rossano – quasi tutte dipinte a olio -vi sono due omaggi alla super modella internazionale Kate Moss.

“L’ho sempre ammirata per la sua bellezza e il suo carisma – prosegue Rossano – e una volta l’ho persino incontrata di sfuggita all’interno di un negozio di scarpe. Lei mi salutò come se mi conoscesse e io rimasi basito al punto che per lo stupore misto a emozione, non riuscii a ricambiare il saluto! Chissà se lei sa davvero chi sono o se in quell’occasione mi scambiò semplicemente per qualcun altro”. Nei quadri astratti invece è l’energia che prevale, attraverso una piacevole esplosione di forme e colori come in Euphoria che è l’espressione di una serata goliardica. Rossano si trova spesso d immortalare soggetti che girano per le strade londinesi, per poi riprodurli su tela come nell’opera A couple in cui sono rappresentati di spalle due personaggi dall’abbigliamento tipicamente grunge mentre camminano tranquillamente per la metropoli. Attualmente sta lavorando al digital print che spiega: “è una tecnica mista che consiste nello stampare direttamente su tela la fotografia per poi lavorarci sopra con varie tecniche che possono andare dal semplice olio, all’uso di acidi e carta vetrata”.

Tra i progetti imminenti di Rossano vi è l’allestimento di un’importante mostra personale a Londra prevista per l’estate, e un sogno nel cassetto: riuscire a vivere soltanto della propria passione: “è il mio desiderio più grande- mi confida- e se mai un giorno ci riuscirò mi sono ripromesso di tornare a esporre anche a Carpi le mie opere”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here