Cmb, avanti anche nel 2010

0
71

La fotografia aerea del grandioso progetto del Centro Commerciale presso il Nuovo Stadio di Torino: il Presidente CMB Carlo Zini inizia da questa immagine la presentazione del Bilancio Consuntivo dell’esercizio 2010. Di recente Eureca, cioè il raggruppamento CMB-Unieco (insieme al partner Nordiconad), si è aggiudicato non solo la costruzione del nuovo Shopping Center presso lo Stadio delle Alpi di Torino, ma anche l’appalto per la realizzazione della Viabilità di accesso all’Expo 2015 di Milano.
L’ing. Zini parla di sfide, quelle che CMB ha saputo cogliere nell’arco dei cent’anni di attività. “Se sessant’anni fa non avessimo deciso di dislocare due sedi Cmb una a Milano e l’altra a Roma, oggi non saremmo qui; se CMB non avesse investito con oculatezza nel settore immobiliare, oggi non sarebbe qui; se non avessimo intrapreso poi con una certa decisione la strada delle grandi infrastrutture e del settore ospedaliero, oggi non saremmo qui”. CMB guarda alle nuove sfide perché, al giorno d’oggi, “non basta più essere produttori ma occorre evolversi in gestori e varcare i confini per puntare ai mercati internazionali”.
E’ così, utilizzando la formula del project financing, che CMB sta modificando la propria fisionomia in un settore, quello delle costruzioni, che sta vivendo una profonda crisi.
L’elenco degli interventi in cui CMB assume un ruolo attivo nella gestione comprende: il Novi Park, il parcheggio interrato nel parco Novi Sad di Modena; gli ospedali di Fidenza, Baggiovara di Modena, Niguarda di Milano, Cona di Ferrara (la chiusura del cantiere è fissata a metà giugno dopodiché avverrà la consegna all’azienda ospedaliera) e Thiene-Schio nel 2012; i servizi cimiteriali di Carpi, Bergamo e altri sette comuni milanesi.
Il settore delle costruzioni sta vivendo una situazione di difficoltà senza precedenti, ma in questo scenario CMB ha messo a segno nel 2010 un Bilancio positivo che verrà presentato ai soci sabato 11 giugno nella sede di via C. Marx, nel corso dell’annuale Assemblea.
“Il giro d’affari della Cooperativa ha raggiunto 616 milioni di euro – anticipa il Presidente – con oltre 11 milioni di utile al lordo delle imposte, dopo aver sostenuto 56 milioni di costi del personale; mentre il patrimonio netto è cresciuto fin sulla soglia dei 200 milioni di euro, di cui 33 milioni di capitale di rischio dei soci”.
Sul piano commerciale il 2010 si chiude con un buon risultato e l’acquisizione di nuove commesse per circa 600 milioni di euro, mentre nei primi mesi del 2011 sono stati acquisiti importanti lavori fra i quali il moderno Centro Ricerche per conto di ENI Green a Pavia e un Macrolotto sull’Autostrada Salerno- Reggio Calabria.
Notizia degli ultimi giorni è l’ingresso nel mercato delle Concessioni autostradali di HOLCOA, società nata all’interno del movimento cooperativo e che raggruppa CMB,CCC, CMC, Unieco, Cooperare e Unipol Merchant, con l’acquisizione, da Autostrade per l’Italia di una quota pari al 24,89% della Società Autostrada Tirrenica (Sat) cui compete il completamento e la successiva gestione di un tratto autostradale di circa 206 chilometri tra Livorno e Civitavecchia.
Infine, non sono mancate critiche da parte del Presidente CMB Zini alla fase politica che l’Italia sta attraversando perché “non emergono elementi che depongano a favore della infrastrutturazione del Paese”. CMB si unisce così al coro di chi in questi ultimi mesi ha sottolineato le difficoltà delle imprese a lavorare in un Paese che ancora non è riuscito a trovare la via della crescita e dello sviluppo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here