Cala il sipario sull’edizione 2024 di Concentrico Festival, 13mila le presenze

Si è conclusa la nona edizione di Concentrico, il festival che dal 7 al 16 giugno ha trasformato il parco della cappuccina di Carpi in un palcoscenico richiamando circa conta 13.000 presenze.

0
863
Foto di Francesco Zelotti

Si è conclusa la nona edizione di Concentrico, il festival che dal 7 al 16 giugno ha trasformato il parco della cappuccina di Carpi in un palcoscenico richiamando circa conta 13.000 presenze. Il programma ha abbracciato il teatro a 360°  (dalla prosa al circo contemporaneo, passando per spettacoli itineranti, teatro musicale e danza contemporanea) e gli spettacoli sotto lo chapiteau e in Arena Aimag, realizzata grazie al sostegno di Aimag e Sinergas, hanno registrato diversi sold out tra cui Emisfero di Magda Clan Circo e Le solite stronze di Carlotta Vagnoli. Grande successo anche l’area Concentrico Junior, con il sostegno di Coop Alleanza 3.0, che ha ospitato ogni sera i laboratori e le attività proposte da Cooperativa Giravolta creando uno spazio a misura di bambino dove i più piccoli hanno potuto giocare e socializzare. Anche la nuova area ristoro, sostenuta da Toschi, e gestita da Commestibili e Vini e l’area bar di Nonno Pep Beer&food hanno reso la location ancora più attrattiva per i partecipanti.

L’Associazione culturale AppenAppena – Aps e tutto lo staff di Concentrico Festival si ritengono soddisfatti della buona riuscita dell’evento che ha ricevuto commenti e feedback molto positivi per l’organizzazione, la scelta degli spettacoli e l’allestimento della location che ha offerto un modo diverso di vivere gli spazi urbani. Lo staff ringrazia tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del Festival con il proprio sostegno, gli sponsor, il Comune di Carpi e la Regione Emilia Romagna, la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi, i volontari e i ragazzi che hanno svolto il tirocinio, gli artisti e le artiste, i tecnici, il personale di servizio e soprattutto chi ha scelto di partecipare e vivere in libertà la magia del Festival ricordando e riconoscendo il rispetto e la disponibilità nel preservare l’ambiente nel migliore dei modi.