Parte da Carpi il cammino di Negrelli per più di 3,5 mila chilometri a piedi fino a Fatima

In occasione della Santa Messa di sabato 25 maggio in Cattedrale a Carpi don Massimo Dotti ha annunciato la partenza di Andrea Negrelli e oggi, giovedì 30 maggio, nei locali della canonica è stato apposto il primo timbro ad attestare poi il numero di chilometri che Negrelli avrà percorso indicando il giorno e il punto di partenza e quello di arrivo che sarà Fatima.

0
3838

È pronto a ripartire per un nuovo viaggio di fatica, sudore e lacrime e saprà viverlo come un percorso di conoscenza, pratica spirituale e ricerca della fede intesa come “fiducia, come atto totale di fiducia”: Andrea Negrelli ci pensava da un po’ e ha deciso di prendersi un periodo ‘sabbatico’ per fare il pellegrino, in solitudine.

Lo ha già fatto nel 2017 quando, partito dalla sua casa di San Marino di Carpi ha percorso 1.200 chilometri in bicicletta e dopo 11 giorni, 6 ore e 34 minuti è arrivato a Lourdes, senza un allenamento specifico alle spalle, senza aver mai fatto campeggio, senza una particolare attrezzatura.

Ha raccontato i dettagli di quell’esperienza nel libro Io sono il mio eroe – Un viaggio fuori dal comune condividendo gioie e dolori delle discese e delle salite, delle notti trascorse in tenda, delle persone incontrate lungo il percorso attraverso la Liguria, fino a Ventimiglia e poi in Francia da Montecarlo lungo la Costa Azzurra fino a Lourdes. Durante il viaggio gli è capitato di dormire ovunque e uno dei suoi primi incontri è stato con un cerbiatto. Nonostante la fatica immane, questo viaggio “emozionante ed emotivo” per Negrelli è stato “un dono continuo. Chiedevo piccole cose e venivo esaudito: quando ho rotto la bici a cento chilometri da Lourdes ho trovato un meccanico che si è reso disponibile a ripararmela nonostante fosse ormai sabato sera. Piangevo e ridevo perché ho fatto più esperienze in quindici giorni di viaggio che in quarant’anni di vita. La mia testa lavorava in continuazione mentre pedalavo e ho imparato un’infinità di cose su me stesso”.

Domenica 2 giugno è fissata la partenza per il nuovo viaggio: 3.689 chilometri da Carpi verso la Liguria e poi in Francia fino a Monaco per procedere verso sud fino a Tolone. Da qui in direzione nord fino a Lione, Parigi, poi ancora a nord a Vierville Sur Mer e da qui tornare verso sud fino a raggiungere Lourdes per poi continuare verso ovest e arrivare a Santiago di Compostela e percorrere il cammino fino a Fatima.

“Ho deciso di affrontare questo viaggio a piedi e non ho la più pallida idea di quello che succederà, né tanto meno di come andrà a finire. Una cosa è certa: arriverò a destinazione e mi farò bastare quel poco di denari che ho risparmiato, magari fermandomi a fare qualche lavoretto da qualche parte in caso resti al verde completamente” sorride Andrea.

A Bologna presso la Chiesa di Santa Maria e San Domenico della Mascarella si è tenuta la cerimonia di consegna delle credenziali che identificano i pellegrini e testimoniano il cammino compiuto.

In occasione della Santa Messa di sabato 25 maggio in Cattedrale a Carpi don Massimo Dotti ha annunciato la partenza di Andrea Negrelli e giovedì 30 nei locali della canonica è stato apposto il primo timbro ad attestare poi il numero di chilometri che Negrelli avrà percorso indicando il giorno e il punto di partenza e quello di arrivo.

Sarà ancora una volta un viaggio in cui tutto accade ad ogni singolo passo, ad ogni singola goccia di sudore e lacrime versate, ad ogni respiro, ad ogni preghiera e anche ad ogni imprecazione. Raccontarlo non sarà come viverlo, ma Andrea non sarà solo su quel cammino.

Sara Gelli