C’è bellezza nella carità?

La Coop Nazareno in collaborazione con l’Ordine Giornalisti e la Fondazione Giornalisti dell’Emilia-Romagna, nell’ambito del Festival Internazionale delle Abilità Differenti, sabato 11 maggio, alle 9, presso l’Auditorium San Rocco a Carpi, ha organizzato il Convegno-seminario di formazione che tratterà il tema La bella carità. Ad accogliere i partecipanti sarà il presidente della Nazareno, Sergio Zini.

0
328
Nelson Bova

La Coop Nazareno in collaborazione con l’Ordine Giornalisti e la Fondazione Giornalisti dell’Emilia-Romagna, nell’ambito del Festival Internazionale delle Abilità Differenti, sabato 11 maggio, alle 9, presso l’Auditorium San Rocco a Carpi, ha organizzato il Convegno-seminario di formazione che tratterà il tema La bella carità. Ad accogliere i partecipanti sarà il presidente della Nazareno, Sergio Zini, moderatore dell’incontro e ispiratore del tema trattato: “Quali sono gli aspetti dell’influenza del bello e del piacevole nell’intervento con le persone fragili? Nel fare il lavoro riabilitativo, educativo e assistenziale – commenta Zini – non basta un bel discorso sulla metodologia, pontificare su come ci si deve comportare; non basta analizzare la psiche delle persone o svolgere saggi sull’educazione. Non basta nemmeno l’intelligenza, essere la persona più erudita del mondo, essere geniali nel penetrare il significato delle cose.  Non basta essere un vero scienziato, capace di convincere o una persona convinta di fare cose buone. Senza la gratuità si perde il proprio tempo. Non basta neanche la generosità: ci vuole la carità. La carità parte dalla stima per il soggetto, ovvero l’affermazione pratica di un valore inalienabile”.

Così, questo incontro-seminario tra gli operatori dei settori riabilitativi e assistenziali e il giornalismo sociale, vuol essere sia un’occasione per far conoscere e far toccare da vicino storie e percorsi di chi ogni giorno accetta la sfida di abbracciare l’uomo e di cambiare il mondo sia, sviluppare strumenti di lettura e narrazione distanti dai clichés narrativi sulla carità, per rendere più incisivo e prezioso il linguaggio giornalistico.

Le tematiche trattate ed i relativi relatori saranno:

Il misterioso abbraccio tra il dolore e la speranza con Emanuel Exitu regista e autore del libro Di cosa è fatta la speranza; Dare voce a chi non ha voce. Una professione, una missione e una vocazione con Francesco Zanotti, giornalista, direttore del Corriere Cesenate e Presidente UCSI Emilia-Romagna; Carità di frontiera con Francesco Zanuttin, coordinatore Progetti Italia della DonK Humanitarian Medicine Odv di Trieste, organizzazione che offre assistenza sanitaria specializzata gratuita a supporto dei migranti, dei senza dimora e di tutti coloro che non hanno accesso al Sistema Sanitario Nazionale; L’uomo è più grande del suo peccato con Giorgio Pieri, responsabile Progetto Comunità educante con i carcerati – della Comunità Papa Giovanni XXIII, accompagnato da due carcerati; Alla ricerca del bene-essere con Nelson Bova giornalista RAI, già presidente di Onlus, da venticinque anni si occupa, in Emilia-Romagna, di volontariato e di solidarietà; La bellezza della carità con Alberto Lazzarini, giornalista, vice presidente ODG Emilia-Romagna. E, ancora, Il lavoro quotidiano degli operatori con le persone fragili con Magda Gilioli, giornalista e ufficio stampa Festival Nazareno e La carezza del Nazareno e altri racconti.

L’evento è gratuito e aperto a tutti.