Un murale per ricordare Nicolò Petenatti: “era il nostro sole”

Il sorriso di Nicolò Petenatti, Ninja per gli amici, d’ora in poi illuminerà la tribuna del campo sportivo di Rovereto sulla Secchia. Il murale, realizzato dai tre street artist Marcello Buganza, Giulio Faggiani e Valeria Mazzoli è stato voluto dagli amici di Nicolò, scomparso a soli sedici anni, il 15 luglio 2021, in un tragico incidente stradale, per celebrarne il ricordo.

0
1381
Gli amici di Nicolò: da sinistra Samuele, Savio, Alessio, Cristian e Pietro

Il sorriso di Nicolò Petenatti, Ninja per gli amici, d’ora in poi illuminerà la tribuna del campo sportivo di Rovereto sulla Secchia. Il murale, realizzato dai tre street artist Marcello Buganza, Giulio Faggiani e Valeria Mazzoli è stato voluto dagli amici di Nicolò, scomparso a soli sedici anni, il 15 luglio 2021, in un tragico incidente stradale, per celebrarne il ricordo. “L’idea – raccontano Alessio, Savio e Cristian – è nata lo scorso anno, unitamente a quella di organizzare un torneo intitolato a Nicolò, il Memorial Ninja, di cui si è da poco conclusa la seconda edizione. Desideravamo fare qualcosa che restasse nel tempo. Una sorta di simbolo per tutta la comunità di Rovereto. Marcello Buganza ci ha presentato vari schizzi e poi, insieme alla famiglia di Nicolò, abbiamo scelto l’opera che sarebbe stata realizzata”.  

Il murale è sbocciato in sole due settimane, a luglio di quest’anno, anche grazie al contributo prezioso di Rovercolor che ha realizzato la parete poi dipinta dai tre artisti. La vita è un viaggio che ti permette di fare amicizia con molte persone sulla tua strada, ma solo in pochi saranno in grado di restare nel tuo cuore per sempre. Tu sei uno di quelli” si legge nella frase che accompagna la gigantografia di Nicolò, una vera esplosione di colori. Sì perché il ricordo di Nicolò splende più vivido che mai nel cuore di chi lo ha conosciuto. 

“Nicolò – prosegue Alessio – per anni ha giocato nella Roveretana vestendo la maglietta numero 9 per questo motivo tutte le maglie realizzate per il torneo riportano questo numero, oltre alla scritta Ninja in viola, colore che lui amava moltissimo, e a un sole giallo all’altezza del cuore. Nicolò era il nostro sole, stare in sua compagnia era una gioia indescrivibile. Ci manca ogni giorno”.

Jessica Bianchi