150 passeggeri bloccati a Minorca dopo la cancellazione di un volo Ryanair, tra loro anche una coppia di Soliera

Il rientro dalle vacanze si è trasformato in un vero e proprio incubo per circa 150 passeggeri che dovevano rientrare ieri, 27 luglio, dall'isola di Minorca per Bologna. Nell'aeroporto dell'isola ieri sera si è scatenato il caos a causa di un volo cancellato della compagnia Ryanair per problemi tecnici. Tra coloro che sono rimasti a piedi c’è anche una coppia di Soliera: “non sono previsti altri voli per Bologna e noi restiamo qui, in ostaggio di Ryanair senza alcun tipo di informazione certa”, spiega Annarita.

0
2490

Il rientro dalle vacanze si è trasformato in un vero e proprio incubo per circa 150 passeggeri che dovevano rientrare ieri, 27 luglio, dall’isola di Minorca per Bologna. Nell’aeroporto dell’isola ieri sera si è scatenato il caos a causa di un volo cancellato della compagnia Ryanair per problemi tecnici.

Tra coloro che sono rimasti a piedi c’è anche una coppia di Soliera: “Il nostro aereo doveva decollare ieri sera alle 21,10 – spiega Annarita – e quindi siamo arrivati in aeroporto intorno alle 19. Alle 22 circa però eravamo ancora tutti seduti senza ricevere alcuna spiegazione del ritardo. Verso mezzanotte la compagnia ci ha avvertiti che non saremmo partiti e che il volo era stato cancellato per problemi tecnici e ci hanno invitati a cercare un hotel per trascorrervi la notte. In realtà vista l’ora siamo rimasti tutti in aeroporto comprese numerose famiglie con bambini al seguito”.

Questa mattina però l’incubo è ancora lungi dall’essere finito: “ci è stato comunicato che dovrebbe arrivare un ingegnere incaricato di eseguire un controllo dopo la riparazione fatta all’aereo e che se questi darà l’ok potremo finalmente partire. Da poco ci è arrivato un messaggio che annuncia il volo alle 13,30 ma qui in aeroporto nessuno sa nulla e la partenza è tutt’altro che certa. Non sono previsti altri voli per Bologna e noi restiamo qui, in ostaggio di Ryanair senza alcun tipo di informazione certa”, conclude Annarita.

Jessica Bianchi