Romanzo storico vs storia romanzata

Si conclude domani, 6 luglio, a Carpi la rassegna Storie ribelli, con un dibattito sui romanzi storici. Intervengono lo scrittore Fabiano Massimi e lo storico Giovanni Taurasi. Conduce Metella Montanari. Appuntamento alle 18,30 nella saletta della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi di Corso Cabassi 4.

0
711
Giovanni Taurasi

Romanzo storico “contro” storia romanzata. È questo il titolo dell’ultima iniziativa che giovedì 6 luglio conclude la rassegna Storie ribelli. 

L’iniziativa, condotta dalla direttrice dell’Istituto storico Metella Montanari, vede la partecipazione dello scrittore Fabiano Massimi (autore dei romanzi L’angelo di Monaco, I demoni di Berlino, Se esiste un perdono) e dello storico carpigiano Giovanni Taurasi (autore di saggi, spettacoli e podcast storici e del libro Le nostre prigioni. Storie di dissidenti nelle carceri fasciste).

“In questi anni – sottolineano gli organizzatori dell’evento – assistiamo a una diffusa produzione di romanzi storici e contemporaneamente a ricerche che raccontano la storia attraverso modalità narrative tipiche di altre forme letterarie o ricorrendo alla pubblic-history. L’incontro intende discutere su storia e letteratura e presentare i libri degli autori”. 

L’iniziativa, in collaborazione con la Libreria Fenice, si tiene giovedì 6 luglio alle 18,30 nella saletta della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi di Corso Cabassi 4. 

Storie ribelli è un ciclo di iniziative di Anppia, Anpi e Istituto storico che ha raccontato l’antifascismo e la Resistenza con presentazioni di libri, graphic novel, mostre e recital storici. Il progetto ha avuto il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e ANPPIA nazionale.